facebook rss

Insieme ai silos addio
alle opere di Blu ed Ericalcane,
artisti pronti a due nuove realizzazioni in città

ANCONA - I due street artist sono già stati contattati dall'amministrazione comunale. Si attende la risposta di Blu mentre Ericalcane ha già dato la sua disponibilità. Le nuove opere saranno realizzate in nuovi spazi urbani indicati dal Comune nei mesi in cui saranno demoliti i serbatoi cilindrici del porto
mercoledì 13 Marzo 2019 - Ore 18:15
Print Friendly, PDF & Email

I silos con le opere di Blu ed Ericalcane

 

L’assessore alla Cultura del Comune di Ancona, Paolo Marasca (foto d’archivio)

 

Insieme ai silos Ancona dirà addio alle opere di Blu ed Ericalcane, ma i due street artist regaleranno alla città due nuove loro realizzazioni. A dirlo è l’assessore alla Cultura, Paolo Marasca, che assicura come il Comune già da tempo abbia contattato i due artisti per chiedere loro nuovi interventi sulla città che saluterà per sempre l’opera a quattro mani “Bottles”, i due personaggi in bottiglia, lo strano palombaro con le chele ed il pesce con la giacca. Si attende una risposta da Blu mentre Ericalcane avrebbe già dato la sua disponibilità. dipinte su alcuni dei serbatoi cilindrici che saranno abbattuti entro la metà del prossimo giugno. Destino stessa della street art è, del resto, seguire le trasformazioni dello spazio urbano. «La Street Art nasce lì dove il mondo inizia a vivere una metamorfosi perenne, un movimento continuo, una trasformazione senza sosta − spiega Marasca −. La Street Art anticipa il mondo, così come gli artisti hanno sempre anticipato gli avvenimenti e le forme di sapere. Ad Ancona, da sempre città di sperimentatori culturali, la Street Art ha sin dalle sue origini diritto di cittadinanza, e diventa grande evento con le edizioni del festival Popup, che nel 2008 porta alcuni grandi artisti ad intervenire in luoghi cardine della città, come appunto i silos, dove intervengono Blu ed Ericailcane. I silos diventano un’altra cosa, un simbolo stesso della città, un discorso differente: aprono Ancona al mondo, comunicano con gli altri. Un grande intervento. Oggi, i silos vengono abbattuti. Anche questo è un grande intervento, il più grande di tutti, perché oltre ad avere una valenza economica per tutta l’area del porto, che si arricchisce di spazi e di possibilità, apre un paesaggio al quale non siamo abituati. Spalanca il cielo e il mare. Sarà un momento epocale. Ma nel frattempo − spiega l’assessore − la Street Art ad Ancona ha prosperato, decine di artisti sono passati e hanno lasciato il segno, da Icks a Jo Pistone, da RUN a Hopnn, e tanti altri, grazie anche al fermento dell’evento che abbiamo intitolato AnconaCrea. Per questo, facciamo ciò che bisognerebbe sempre fare con la natura, dove quando si abbatte un albero bisognerebbe piantarne sempre almeno uno nuovo, e prevediamo la realizzazione di almeno due interventi importanti, iconici e significativi in città proprio nei mesi in cui si abbatteranno i silos. Per questo, abbiamo contattato sia Blu, e siamo in attesa in risposta, sia Ericailcane, con il quale invece abbiamo già instaurato il dialogo e al quale stiamo proponendo dei muri. Ma non è una restituzione: gli artisti di questo livello sanno, anzi vivono la loro arte murale come transitoria. Si tratta di nuovi lavori, di nuovi muri, di nuovi spazi, con loro due, e con altri artisti nazionali e internazionali che stiamo chiamando. L’abbattimento dei silos è anche una grande occasione per l’arte urbana, di proseguire il dialogo con la città, di intervenire su di essa, di essere critica e grandiosa».

Giù i silos entro metà giugno, partito l’iter per la demolizione

Nuovo piano regolatore del porto: si apre il bando per delineare lo sviluppo futuro dello scalo

Addio ai silos del porto: scadute le concessioni saranno demoliti, cambiano skyline ed assetti dello scalo

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X