facebook rss

La sicurezza sul lavoro al porto,
arriva il corso targato Univpm

ANCONA - Partirà il 20 settembre e si attuerà in cinque moduli, con la collaborazione dell'Inail e della Marina Militare
Print Friendly, PDF & Email

Le navi attraccate al porto di Ancona (foto d’archivio)

 

Un corso incentrato sulla sicurezza sul lavoro all’interno del bacino portuale. E’ quanto ideato dall’Università Politenica delle Marche, dal Comando Scuole della Marina Militare Italiana e dall’Inail Marche. Diviso in cinque moduli, il corso prenderà il via il prossimo 20 settembre e si terrà nei laboratori della facoltà di Ingegneria. Oltre a soggetti che intendono operare ed operano nel settore della sicurezza in ambienti di lavoro, il corso si rivolge a studenti, datori di lavoro, dirigenti, coordinatori per la sicurezza ed esperti di sicurezza in genere, formatori in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, tecnici specializzati nella valutazione dei rischi, progettisti di strutture ed impianti portuali, ditte specializzate nella realizzazione di strutture ed impianti portuali e nella loro manutenzione, organi di vigilanza territoriali, operatori delle Capitanerie di porto, Guardia di Finanza e Polizia di frontiera. Rispetto ai molti corsi presenti attualmente sul mercato che trattano l’argomento della sicurezza negli ambienti di lavoro, questo corso si caratterizza per un approccio nuovo ed originale basato su case-study.

Da sinistra la direttrice Inail Pollichieni, il rettore Longhi e l’ammiraglio Bianchi

Si tratta di 4 casi studio realistici e significativi nell’ambito delle attività portuali con un approccio esperienziale che descrivono situazioni e contesti diversi. Grazie a questi casi di studio si offriranno gli spunti ai quali agganciare l’analisi degli aspetti procedurali e di quelli tecnico-scientifici. I temi trattati saranno molteplici: dalla valutazione dei rischi di qualsiasi attività, rischi chimici, biologici o derivanti da radiazione ionizzanti o da campi elettromagnetici, ai rischi di atmosfere esplosive. Si tratteranno anche i temi che riguardano la verifica dell’efficacia di un sistema di tutela e la salvaguardia della salute dei lavoratori con attenzione costante e continua dei sanitari. Il corso si prefigge anche di diffondere la cultura della sicurezza, che significa essenzialmente un radicale cambiamento di prospettiva: la sicurezza non come una prescrizione da subire, ma come efficace strumento di organizzazione del lavoro. Il corso fa seguito al protocollo d’intesa firmato il 18 maggio 2018 dal Comando Scuole della Marina Militare Italiana e l’Università Politecnica delle Marche e il 31 ottobre 2018 dall’Inail Marche e l’Università Politecnica che prevede, tra gli obiettivi, l’attivazione di attività formative a vari livelli. Le iscrizioni al corso scadono il 2 settembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X