facebook rss

Sigilli bis del questore
al Caffè Centrale del Piano (Foto)

ANCONA - Dopo lo stop decretato a fine giugno per dieci giorni, questa mattina la polizia è tornata a bussare alle porte del locale di Piazza Ugo Bassi. Dovrà stare chiuso un mese
Print Friendly, PDF & Email

 

di Federica Serfilippi

 

Il questore chiude ancora il bar Centrale, in piazza Ugo Bassi. Dopo lo stop decretato a fine giugno per dieci giorni, questa mattina la polizia è tornata a bussare alle porte del locale del Piano. Questa volta dovrà abbassare le saracinesche per un mese. La chiusura forzata decretata dal questore Claudio Cracovia è stata decisa in base all’ex articolo 100 del Tulps, per cui la licenza può essere sospesa in caso di “tumulti o gravi disordini”, oppure “qualora il locale sia abituale ritrovo di persone pregiudicate o pericolose” o, comunque, se il comportamento costituisca “un pericolo per l’ordine pubblico, per la moralità pubblica e il buon costume o per la sicurezza dei cittadini”. Durante le pratiche burocratiche eseguite dalla Divisione Amministrativa della questura e dalle Volanti, la co-titolare del bar – una donna cinese – si è sentita male ed è stata portata in ospedale da un’ambulanza della Croce Gialla. Sul posto è anche arrivata l’automedica. Stando agli accertamenti della polizia, dopo la riapertura avvenuta a luglio, il locale continuava ad essere il punto di ritrovo di pregiudicati, ubriachi e tossicodipendenti. Una situazione che ha creato allarme nel quartiere e tra i residenti che pià di una volta hanno segnalato situazioni di degrado e pericolo. Inoltre, un mese fa, gli agenti della Narcotici proprio all’interno del bar avevano arrestato un ghanese di 33 anni, trovato con 12 involucri di eroina.  Quella di questa mattina è l’ennesima chiusura di un locale pubblico decretato dal questore dorico. In precedenza, lo stop era stato inflitto a due bar attigui, sempre in piazza Ugo Bassi, e allo chalet Gabbiano di Palombina. Quest’ultimo ha riaperto da pochi giorni.

(Servizio aggiornato alle 13,42)

 

Chiuso un altro locale al Piano ritrovo di troppi ubriachi

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page