facebook rss

A Senigallia da 35 anni
per giocare a ping pong

LA STORIA del milanese Renato Casini, fin da piccolo innamorato dello sport e della spiaggia di velluto
Print Friendly, PDF & Email

Casini con il sindaco Mangialardi

 

Viene a Senigallia da 35 anni consecutivi per giocare al Centro Olimpico Tennistavolo e nei giorni è stato ricevuto dal sindaco  Maurizio Mangialardi che gli ha consegnato una pergamena in occasione di un simpatico ricevimento. Renato Casini, originario di Milano, ha una casa di famiglia vicino a Senigallia, frequentata fin da bambino nel periodo estivo. «A 17 anni – dice – mi sono innamorato del ping-pong e non mi è sembrato vero che proprio a Senigallia, dove c’era la scuola tecnica che ammiravo, aprissero un Centro dedicato al tennistavolo. Ci sono venuto subito – continua – fin dal primo anno di apertura e sono sempre tornato d’estate ma anche d’inverno coinvolgendo altri amici di Milano con cui ci incontriamo ancora in occasione del Torneo Imperatore di agosto». Casini è stato un ottimo giocatore (entro i primi 60 del ranking) ed ora è allenatore del Vigevano, squadra che milita nel campionato a squadre di serie A1. E proprio da allenatore apprezza le caratteristiche tecniche del Centro Olimpico: «A Vienna – racconta – hanno aperto un mega-centro ma poi hanno dovuto chiuderlo. La dimensione dell’impianto di Senigallia è ottimale per un allenatore: non è piccolo ma non è neanche troppo grande, è a dimensione umana. E’ tanti anni che alleno e non ho trovato un luogo migliore del Centro Olimpico. Questa vetrata, poi, che separa la palestra dai servizi dove possono stare i genitori senza disturbare il lavoro del tecnico, è tutt’altra cosa delle palestre o dei palazzetti. Quando vengo a Senigallia  mi sento a casa. Trovo le stesse persone da anni a partire dal maestro Pettinelli, ma anche nuove, con cui poter parlare di tennistavolo. Trovo disponibilità, serenità, accoglienza, sempre, ogni giorno dell’anno e soprattutto durate l’estate o i periodi di vacanza in cui gli impianti al coperto solitamente chiudono. La città, il centro storico, il cibo sono unici».

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page