facebook rss

Cessione negozi Sma/Auchan,
il sindaco Pugnaloni incontra
il sottosegretario Alessia Morani

OSIMO - Il primo cittadino domani sarà al Mise di Roma per informarsi sullo stato della trattativa in corso con l'acquirente Conad e per impegnarsi nella salvaguardia dei lavoratori in forte stato di agitazione
Print Friendly, PDF & Email

L’Ipersimply Coccinella di Osimo (foto d’archivio)

 

Cessione dei negozi Sma/Auchan a Conad, domani il sindaco di Osimo, Simone Pugnaloni, sarà a Roma per capire quali  effetti il nuovo corso produrrà per i lavoratori attulmente assunti nei punti vendita, nel deposito del territorio comunale e sull’indotto. Dopo  la manifestazione di protesta davanti all’Auchan di Ancona e l’incontro tra il gruppo acquirente  con i sindacati al Mise della scorsa settimana,  il piano industriale prospettato dal gruppo acquirente è ancora nella fase del confronto con le parti sociali ma ha già offerto garanzie  di tutela ai lavoratori con diverse azioni come mobilità incentivata, cassa integrazione o la possibilità si inserire ex dipendenti Auchan tra i soci imprenditori del consorzio. L’operazione del cambio delle insegne su tutti i negozi italiani  e marchigiani dovrebbe concludersi entro la primavera del 2020. «Domani alle ore 11 sarò al Ministero Sviluppo economico per incontrare il sottosegretario on. Alessia Morani. – comunica il sindaco democrat di Osimo, Simone Pugnaloni – Tra le questioni oggetto dell’incontro, la piu’importante riguardera’ la questione Auchan-Conad. Chiederò ad oggi quale è lo stato della trattativa in corso in merito alla questione occupazionale e di impegnarsi per salvaguardare attuali maestranze in forte stato di agitazione».

il sindaco Simone Pugnaloni

Ad Osimo il gruppo di minoranze delle Liste civiche ha presentato la scorsa settimana un ordine del giorno da discutere in Consiglio comunale, mentre la segreteria locale di Fratelli d’Italia ha sollecitato un interessamento del sindaco a sostegno di chi teme di perdere  il posto di lavoro. Con la vendita della rete di negozi del colosso francese, in sofferenza di bilancio, i dipendenti della logistica, dei centri di distribuzione e depositi, come quelli dell’Aspio di Osimo e del Vallone di Offagna,  hanno paura infatti di rientrare negli eventuali esuberi di personale. I dipendenti hanno già manifestato le proprie preoccupazioni sul futuro occupazione in due scioperi sostenuti dalle organizzazioni sindacali. C’è poi da capire che prospettiva si apre per i lavoratori dei supermercati cittadini: quelli del Simply di via Vecchia Fornace che dovrebbe trasformarsi in Conad e quelli dell’Ipersimply di via Molino Basso che potrebbe invece essere ceduto ad altre reti commerciali considerata la vicinanza di un supermarket a insegna Conad già presente in via Montefanese. Ieri anche l’Assemblea legislativa delle Marche ha approvato all’unanimità una risoluzione che impegna presidente e Giunta ad attivarsi con il governo a tutela dei livelli occupazionali. Lunedì scorso invece il Consiglio comunale di Offagna ha approvato all’unanimità una mozione presentata dalla minoranza per coinvolgere Mise e soprattutto la Regione ad affiancare i lavoratori e le lavoratrici nonché le organizzazioni sindacali nella lotta per il mantenimento dei livelli occupazionali.

Cessione negozi Sma/Auchan, il Consiglio regionale chiede all’unanimità l’intervento del Mise

Cessione Auchan/Conad, Ciccioli: «FdI a fianco di lavoratori e sindacati»

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X