facebook rss

Segre cittadina onoraria,
il Consiglio dice sì

JESI - Approvata la mozione per la cittadinanza onoraria alla senatrice sotto scorta. Domani si vota a Fabriano, passata la mozione all'unanimità a Osimo
Print Friendly, PDF & Email

La senatrice Liliana Segre

Ventuno “sì” e un solo astenuto, la Lega. E’ con questo risultato che il Consiglio comunale di Jesi vota la mozione per conferire la cittadinanza onoraria alla senatrice a vita Liliana Segre, superstite dell’Olocausto e vittima di una campagna di odio antisemita sui social, con tanto di minacce di morte. Nel consiglio comunale di ieri, la mozione – sottoscritta da tutti i gruppi politici rappresentati – è stata approvata con il voto favorevole dei 21 consiglieri comunali presenti. Liliana Segre nel 1944 venne deportata con il padre in Germania, partendo dal “Binario 21” della Stazione Centrale di Milano e, dopo una breve sosta nel campo di transito di Fossoli, il 6 febbraio, arrivò al campo di concentramento di Birkenau-Auschwitz dove fu internata nella sezione femminile. Le venne imposto e tatuato sull’avambraccio il numero di matricola 75190 e durante la sua permanenza nel campo di concentramento fu costretta ai lavori forzati nella fabbrica di munizioni. Oggi è simbolo di pace, prima firmataria di una mozione, approvata dal Senato della Repubblica il 30 ottobre, che prevede l’istituzione di una Commissione parlamentare di indirizzo e controllo sui fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio. Il Consiglio comunale riconosce dunque alla Segre la cittadinanza onoraria, con grande soddisfazione del presidente del consiglio comunale Daniele Massaccesi promotore della mozione. «E’ riconosciuta come luce che orienta le coscienze anche nelle fasi più tristi della storia, caratterizzate da odio, violenza e indifferenza», mentre l’unico astenuto – il consigliere della Lega Marco Giampaoletti – ha parlato della cittadinanza onoraria a Liliana Segre come di una strumentalizzazione. Il consigliere comunale Giombi (Fabriano progressista) proporrà in discussione la sua mozione nella seduta del consiglio comunale di domani. A Osimo votata ieri pomeriggio all’unanimità la mozione di solidarietà alla senatrice.

La Sala Gialla vota all’unanimità la mozione a sostegno di Liliana Segre

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X