facebook rss

Nuovo furto della statuetta
di Gesu dal presepe di San Filippo:
«Gesto reiterato per sfregio»

FABRIANO - La scoperta fatta ieri dal custode della chiesa: qualcuno si è portato via anche l'effige del Bambinello comperata al costo di 20 euro per sostituire quella rubata alla vigilia di Natale. Indignazione in città
Print Friendly, PDF & Email

 

 

Rubata anche la seconda statuetta di Gesù Bambino dal presepe della chiesa di San Filippo, a Fabriano. I ragazzi dell’infiorata di Porta Cervara l’avevano comperata, prezzo 20 euro, per sostituire quella fatta sparire alla vigilia di Natale dal presepio allestito all’interno della chiesa. Un gesto reiterato, dispettoso, magari compiuto da un insospettabile prima che l’allestimento venisse smontato, che ha sollevato nuova indignazione in città. La scoperta è stata fatta ieri da uno dei volontari che svolge un po’ la funzione di custode della chiesa, aprendo e chiudendo al pubblico l’edificio di culto di Corso della Repubblica. Il primo furto era avvenuto pochi giorni prima del 24 dicembre. Il gruppo che allestisce il presepe aveva lasciato un cartello nella speranza che il ladro o chi aveva commesso la bravata si ravvedesse, riconsegnando l’effige sacra prima della mezzanotte di Natale. Invece l’autore della razzia, ritenuto dai più sacrilega, non si era affatto pentito. A distanza di 10 giorni potrebbe, anzi, essere stato recidivo, razziando anche la statuetta sostitutiva dal valore commerciale davvero limitato e quindi non smerciabile neppure sul mercato sommerso delle opere d’arte. «La chiesa di San Filippo è frequentata da tanti fabrianesi che per tradizione, mattina e sera, passano a raccogliersi in preghiera. Temiamo anche per questa ragione che l’autore del gesto possa essere qualcuno del posto, magari cattolico, magari malato. Qualcuno che lo ha fatto per sfregio» commenta con amarezza Gastone Storelli, titolare dell’omonimo bar, che si trova di dirimpetto all’immobile sacro non sorvegliato da spycam.

Rubata la statua di Gesù Bambino prima di essere deposta nel presepe

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page