facebook rss

‘Il tempo sospeso’:
la musica da camera suonata
dai giovani talenti italiani

SERRA DE' CONTI - Il festival, curato dalla violoncellista anconetana Chiara Burattini, debutta domenica 23 febbraio con le composizioni di Reinecke e Schumann
Print Friendly, PDF & Email

I protagonisti del festival

 

Tre date, 9 musicisti, 6 compositori, 3 vini in degustazione. Sono questi i numeri de ‘Il tempo sospeso’, un festival di musica da camera che, coinvolgendo giovani affermati musicisti provenienti da tutta Italia, nasce con la volontà di impreziosire con concerti del più alto livello un contesto già ricco artisticamente e culturalmente come quello di Serra de’ Conti. Il nome trae ispirazione dal Museo delle arti monastiche ‘Le stanze del tempo sospeso’ di Serra de’ Conti: come la meditazione e la preghiera, la musica consente di allontanarsi dalla frenesia quotidiana del tempo in cui viviamo. I brani proposti nei programmi di questi concerti fanno parte del grande repertorio cameristico. La musica da camera, oltre a presentarci le più belle pagine mai scritte dai compositori più importanti, rappresenta il paradigma di una comunità – in questo caso di artisti – che attraverso il dialogo armonico vive l’intensità del momento, godendo della sospensione del tempo e offrendo a chi si pone in ascolto il medesimo privilegio. Ogni concerto inizia alle 16 ed ha la durata complessiva di circa un’ora. A seguire la degustazione di un vino offerto da prestigiose cantine locali. Il costo del biglietto di ingresso è di 5 euro ed include la degustazione. La direzione artistica del festival è a cura dalla violoncellista anconetana Chiara Burattini. In totale, nelle tre date, si esibiranno nove artisti di età compresa tra i 23 e i 31 anni. Vantano tutti un curriculum d’eccezione, con studi eseguiti nelle accademie nazionali ed internazionali più prestigiose.  Il 23 febbraio è la volta di ‘Prospettiva Lipsia’:

-R.Schumann, Fantasiestucke op.73 per clarinetto e pianoforte
-R.Schumann, Adagio e Allegro op.70 per corno e pianoforte
-C.Reinecke, Trio per pianoforte, clarinetto e corno op.274

Sofia Casci, clarinetto
Alessandro Giorgini, corno
Umberto Jacopo Laureti, pianoforte.

Le prossime date sono l’8 marzo, quando si esibirà il quartetto composto da Maddalena Giacopuzzi (pianoforte), Clarice Binet (violino), Stella Degli Esposti (viola), Chiara Burattini (violoncello) e il 26 aprile, quando suoneranno Cecilia Cartoceti (violino), Chiara Burattini (violoncello), Martina Giordani (pianoforte).

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X