facebook rss

Uno sguardo di troppo a una ragazza
e scoppia la rissa in Piazza del Papa

ANCONA - Notte movimentata nel cuore della movida dorica. La Polizia ha identificato 3 giovani, medicati in ospedale, che ci sono affrontati e colpiti con bottiglie di vetro. Saranno denunciati insieme ad altri sei accorsi a prendere le difese dei rispettivi conoscenti
Print Friendly, PDF & Email

I controlli delle volanti della Questura in Piazza del Papa ad Ancona

 

Uno sguardo di troppo verso una ragazza scatena un rissa dopo la mezzanotte in piazza del Papa. Una storia di gelosia e botte scoppiata tra tre giovani di sabato sera e nel cuore di Ancona. E’ stata una notte movimentata quella che gli agenti delle volanti della Questura di Ancona hanno dovuto affrontare nelle zone della movida dorica. Intanto la serata è iniziata, verso le 22 con la denuncia di un ventenne anconetano per resistenza e oltraggio a Pubblico ufficiale e sanzionato per ubriachezza. Il giovane aveva parcheggiato la propria autovettura in via Fanti ostruendo il passaggio ad altri autoveicoli. Dopo essere stato rintracciato telefonicamente, il giovane, che si trovava in piazza del Papa, è giunto sul posto e ha iniziato a protestare contro il poliziotti che stavano effettuando la verbalizzazione della sanzione al Codice della Strada, aggredendoli prima verbalmente e poi cercando di spintonarli. Verso le 0.45 gli agenti sono intervenuti in piazza del Papa dove era stata segnalata una lite tra persone.

Nell’occasione i poliziotti hanno identificato tre giovani che presentavano segni di colluttazione avvenuta a seguito di una lite scaturita per motivi legati a degli sguardi prolungati verso una ragazza. Sul posto è arrivata anche un’ambulanza della Croce Gialla. Tutti e tre sono ricorsi alle cure mediche al pronto soccorso dell’ospedale di Torrette considerato che durante la lite avevano fatto uso di bottiglie di vetro brandendole come armi. Saranno denunciati all’autorità giudiziaria insieme ad altri sei soggetti identificati che avevano preso le difese dei rispettivi conoscenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X