facebook rss

Nuove misure per contenere
l’inquinamento da Pm10

ANCONA - Disposte due direttrici: l'intensificazione del lavaggio delle strade e la riduzione delle temperature di riscaldamento negli edifici pubblici
Print Friendly, PDF & Email

La centralina Arpam della Cittadella

 

Nuova ordinanza per la riduzione della concentrazione degli inquinanti in aria ambiente a fronte delle condizioni di criticità rilevate dall’Arpam nei giorni scorsi. L’agenzia  ha difatti reso noto che nei primi giorni del mese di novembre (dall’1 al 6) si sono verificate concentrazioni medie giornaliere di Pm10 inferiori al valore limite giornaliero di 50 μg/m3 sia presso la stazione fissa di Ancona Cittadella che presso il laboratorio mobile di Ancona Stazione. A partire, invece, dal 7 novembre, i valori medi giornalieri riscontrati hanno subito un incremento che ha portato a registrare 5 superamenti consecutivi del valore limite giornaliero VLG presso Ancona Stazione (dal 7 al 11) e 2 superamenti consecutivi del VLG presso Ancona Cittadella (dal 10 al 11). In sintesi, alla data del 11 novembre il numero di superamenti attuali è stato di 17 per Ancona Stazione e di 10 per Ancona Cittadella, a fronte dei 35 annuali massimi consentiti dalla legge.  Con la nuova ordinanza si applicano, quali misure integrative a quelle già in vigore, l’intensificazione del lavaggio strade e la riduzione delle temperature di riscaldamento degli edifici pubblici. Per quest’ultimo punto, l’ordinanza recita la riduzione oraria del funzionamento degli impianti: 8 ore al giorno rispetto alle 12 previste. Sono esclusi edifici come ospedali, cliniche, strutture di ricovero  e similari.

Polveri sottili: sforamenti ad Ancona, Chiaravalle, Falconara e Jesi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X