facebook rss

Accoltellamento all’Arco Clementino,
l’aggressore al giudice:
«Mi sono solo difeso»

JESI - Le parole del 19enne brasiliano espresse nell'udienza di convalida del fermo scattato per tentato omicidio nei confronti di un 20enne nigeriano, raggiunto dai fendenti lo scorso sabato. «Lui mi voleva colpire con una bottiglia rotta. Mi sono spaventato e ho reagito»
Print Friendly, PDF & Email

(foto d’archivio)

 

«Aveva con sé una bottiglia di vetro rotta. Voleva aggredirmi, io mi sono solo difeso». Ha dato questa versione al gip Carlo Masini il 19enne brasiliano arrestato sabato scorso dalla polizia con l’accusa di tentato omicidio. Vittima, un 20enne nigeriano, colpito più volte (anche alla schiena) con un coltello brandito dall’indagato. Quest’ultimo si è difeso in mattinata nel corso dell’udienza per la convalida del fermo. Si è tenuta a Montacuto. Il giudice si è riservato sulla misura cautelare da adottare nei suoi confronti: potrebbe essere scarcerato. Il ragazzo ha raccontato di aver avuto un primo faccia  a faccia con il nigeriano nel pomeriggio di sabato, al Parco del Vallato. In quel contesto, il brasiliano sarebbe stato aggredito a mani nude dal 20enne per questioni legate alla droga. Dopo qualche ora, i due si sono incontrati di nuovo, questa volta all’altezza dell’Arco Clementino, in pieno centro storico. Qui è avvenuta la contesa finale. «Aveva in mano una bottiglia di vetro rotta, mi sono spaventato, ho avuto paura e ho reagito». Con i fendenti di un coltello da cucina. Il 19enne è stato raggiunto dai frammenti di vetro al giubbotto, trovato completamente rotto a causa dei graffi. Sul corpo avrebbe anche delle escoriazioni legate alla prima aggressione, quella avvenuta al Parco del Vallato, zona negli ultimi mesi presidiata dalle forze dell’ordine per episodi di criminalità e soprattutto legati al mondo dello spaccio. Il brasiliano è difeso dagli avvocati Federica Battistoni e Davide Mengarelli.

(fe.ser)

Accoltellamento in centro: fermato un 19enne per tentato omicidio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X