facebook rss

Flash mob dei precari della giustizia:
«Siamo senza diritti»

ANCONA - La manifestazione dei magistrati onorari, tenutasi anche in altre città d'Italia, si è svolta questa mattina nel piazzale antistante il tribunale
Print Friendly, PDF & Email

La manifestazione di questa mattina

 

Si sono ritrovati davanti al tribunale di Ancona per un flash mob di protesta. A darsi appuntamento, questa mattina, sono stati i magistrati onorari, «ancora precari e senza diritti», che ormai da diversi anni svolgono le funzioni giurisdizionali «senza ricevere alcuna tutela lavorativa né previdenziale, in condizioni di precariato». Durante il flash mob, con un volantino si è espressa anche la «solidarietà e la vicinanza alle colleghe di Palermo e di Napoli che, quale gesto estremo di protesta – è stato scritto – contro la violazione dei nostri diritti e contro l’assenza di ogni tutela, hanno iniziato lo sciopero della fame. Siamo con voi!». A organizzare il flash mob anche ad Ancona, come in altre città della regione, è stato il Coordinamento Regionale delle Marche con gli uffici giudiziari di tutte e cinque le province marchigiane. Con in mano una rosa rossa, hanno voluto inoltre far riferimento ad una protesta che avvenne nel 1912 quando, nel Kansas, i lavoratori di una industria tessile protestarono con la stessa modalità a seguito della riduzione della paga e delle condizioni lavorative che andarono a peggiorare in maniera graduale. A prendere parte alla manifestazione di Ancona, anche il consigliere regionale Carlo Ciccioli, di Fratelli d’Italia.

(al. big.)

Toghe onorarie senza diritti: un flash mob di protesta davanti al Palazzo di Giustizia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X