facebook rss

Salvato da un infarto cardiaco:
«Il mio grazie ai medici
degli ospedali di Loreto e Torrette»

LA LETTERA - Un mese fa il 61enne era svenuto sulle scale del 'Santa Casa' dove tentava di entrare dopo aver accusato un malore. Al Pat aveva ricevute le prime cure per poi essere trasferito all'ospedale regionale in urgenza. «Sto bene e ora tornerò con maggior affetto e frequenza nella città mariana» scrive nel suo messaggio rivolto ai sanitari
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio dell’ospedale di Loreto

 

 

Lo scorso 10 novembre, colto da infarto cardiaco, era svenuto sulle scale dell’ospedale di Loreto dove tentava di entrare dopo aver accusato un malore.  Il paziente di 61 anni, residente in Svizzera e per lavoro nella città mariana, dopo le prime cure ricevute al Pat del ‘Santa Casa’ era stato trasferito all’ospedale regionale di Torrette. «A poco piu’ di un mese dell’accaduto – scrive Antonio Brusa nella lettera inviata alla nostra redazione – sono in piena forma, ho ricominciato il mio lavoro e, tramite le pagine del vostro giornale, vorrei ringraziare i medici, gli infermieri e i soccorritori dell’ospedale di Loreto che con solerzia, professionalità e dedizione hanno approntato le prime fondamentali cure e trasportato al complesso ospedaliero regionale di Torrette di Ancona dove, in modo impeccabile, sono stato sottoposto all’intervento salvavita. Ancora grazie di cuore anche da parte dei miei famigliari che tanto lontani in un momento così delicato sono stati dettagliatamente informati e supportati. Conosco Loreto non solo per motivi professionali, ma era la tappa fissa quando passavo di lì per lavoro o vacanze. Ora ci tornerò con maggior affetto e frequenza. Approfitto per augurare a tutti Buon Natale e Buon 2021».

Colto da infarto, sviene sulle scale all’esterno dell’ospedale: salvato

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X