facebook rss

«Chiesa di Portonovo chiusa al pubblico:
danno per la stagione turistica»

ANCONA – Daniele Silvetti, presidente del Parco del Conero, chiede delucidazioni alla Soprintendenza sulla riattivazione del servizio visite e tempi certi sulla riapertura del gioiello di architettura romanica
Print Friendly, PDF & Email

La chiesa di Portonovo dal mare

 

Il gioiello dell’architettura romanica interdetto al pubblico. La Soprintendenza Archeologica alle Belle Arti e Paesaggio delle Marche ne ha decretato la chiusura temporanea a causa di infiltrazioni di acque meteoriche. Per il Parco del Conero è un danno alla stagione turistica appena cominciata. Il presidente Daniele Silvetti, in un comunicato, chiede tempi certi per la riapertura. La stagione turistica appena cominciata si vede privata infatti della fruizione di uno dei luoghi di maggior richiamo. La Chiesa di Santa Maria di Portonovo, ogni anno, è meta di migliaia di turisti che si trovano in villeggiatura nelle aree del Conero. E, come spesso accade, anche quest’anno arrivano presso la sede del Centro Visite del Parco del Conero numerose richieste di informazioni sugli orari di apertura al pubblico della chiesa. Ma con grande rammarico gli operatori si trovano a dover deludere le aspettative dei richiedenti da quando la Soprintendenza Archeologica alle Belle Arti e Paesaggio delle Marche ne ha disposto la chiusura temporanea per via di alcune infiltrazioni di acque meteoriche.

L’avvocato Daniele Silvetti

«Una motivazione che non giustifica l’interdizione al pubblico – interviene il presidente del Parco del Conero, l’avvocato Daniele Silvetti – soprattutto in questo particolare periodo dell’anno, in cui l’offerta turistica di questa area dovrebbe caratterizzarsi per varietà e proposte, in linea con una visione di turismo culturale e sostenibile di cui l’Ente Parco si fa promotore. Pertanto chiediamo delucidazioni in merito alla riattivazione del servizio visite e tempi certi di riapertura della Chiesa, così da poter rilasciare informazioni concrete e specifiche alle tante richieste pervenute ai nostri uffici». Con l’obiettivo di restituire quanto prima la fruibilità del luogo a turisti e cittadini, l’Ente Parco del Conero ha inviato prontamente una lettera, a firma del presidente Silvetti, indirizzata alla Soprintendenza.

 

Chiesetta di Portonovo: «Infiltrazioni d’acqua, stop alla riapertura»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X