facebook rss

Cinque atleti paralimpici in campo
contro violenza e discriminazione

REGIONE - La campagna di sensibilizzazione della Commissione regionale Pari opportunità si arricchisce di nuovi volti. Tra i protagonisti anche Francesca Kosinska, plurimedagliata jesina vincitrice a luglio del 39esimo campionato assoluto di nuoto Finp
Print Friendly, PDF & Email

 

 

Cinque atleti paralimpici scendono in campo per la campagna promossa dalla Commissione regionale pari opportunità per la prevenzione e il contrasto della violenza di genere e di ogni forma di discriminazione. Sono il campione di origini senegalesi trapiantato nel Maceratese Ndiaga “Cenga” Dieng, bronzo alla paralimpiadi di Tokio nei 1500 metri; la recanatese Federica Sileoni che ai giochi paralimpici in Giappone ha gareggiato nel paradressage; il pivot marchigiano del basket in carrozzina Sabri Bedzeti; Francesca Kosinska, plurimedagliata jesina vincitrice a luglio del 39esimo campionato assoluto di nuoto Finp; il giovane fiorettista di Monte San Pietrangeli, Michele Massa.

«Il nostro progetto di sensibilizzazione grazie all’adesione del Comitato italiano paralimpico sezione Marche – evidenzia la presidente della Cpo Maria Lina Vitturini – si arricchisce di nuovi testimonial. Diventano undici gli atleti che presteranno il loro volto alla campagna contribuendo a veicolare in maniera più incisiva il messaggio di contrasto a ogni forma di violenza e discriminazione». I cinque atleti Cip si aggiungono infatti ai sei testimonial che già avevano scelto di partecipare alla campagna. la pattinatrice Valentina Marchei, il ginnasta Carlo Macchini, la campionessa di spada Elena Ferracuti, il ballerino Ivan Cottini, l’avvocato Alessia di Girolamo e la vincitrice della XIII edizione di X Factor Sofia Tornambene.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X