facebook rss

Fenomeno baby gang,
Staffolani: «Creiamo un centro
di aggregazione giovanile»

OSIMO - La coordinatrice cittadina di Fratelli d'Italia invita l'Amministrazione comunale a collaborare anche con i Comuni limitrofi per risolvere il problema. «Servono interventi di carattere sociale, orientati più alla prevenzione che non alla repressione» sottolinea
Print Friendly, PDF & Email

Michela Staffolani

 

«Da mesi si continua a parlare del fenomeno delle baby gang. Non solo Osimo, ma anche i Comuni limitrofi, si sono trovati a fare i conti con le scorribande di ragazzini perlopiù minorenni che provocano danni e scompiglio. Una problematica che si è cercata di contenere con un maggior controllo del territorio, ma le limitate forze disponibili da mettere in campo, non hanno potuto evitare il verificarsi di episodi spiacevoli, come il furto avvenuto ai danni di un ragazzino osimano settimana scorsa». A commentare l’ultimo episodio di cui si è reso protagonista il ‘branco’ di giovanissimi è Michela Staffolani, portavoce di FdI Osimo. Domani gli amministratori comunali osimani con le forze dell’ordine parteciperanno in Prefettura al Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica.

La coordinatrice del partito di Giorgia Meloni suggerisce al sindaco Simone Pugnaloni e agli assessori di avviare intanto un dialogo con le realtà limitrofe che vivono la stessa emergenza. Poi propone la creazione di un Centro di aggregazione giovanile «che ad Osimo, di fatto, manca».«Neanche le tanto decantate spy cam riescono a prevenire tali eventi, eventualmente aiutano a scoprirne i responsabili, che spesso restano impuniti grazie alla giovane età o alle mancate denunce da parte delle vittime. – osserva la Staffolani – Lasciando la tutela dell’ordine pubblico alle Autorità preposte, che quotidianamente svolgono il loro lavoro, e che per questo vanno ringraziate; anche le amministrazioni comunali, a parer nostro, potrebbero fare la loro parte con interventi di carattere sociale, orientati più alla prevenzione, che non alla repressione».

La coordinatrice cittadina di Fratelli d’Italia fa inoltre notare che «si è fatto il giro dei quartieri per raccogliere proposte per la redazione del nuovo Prg; perche non portare questo tema nei consigli di quartiere per sensibilizzare le famiglie, per capire le problematiche riscontrate nella quotidianità ed ascoltare eventuali soluzioni? Perché non coinvolgere le scuole e le associazioni sportive, organizzando incontri a tema? Oppure con i rappresentanti delle Forze dell’Ordine? Perché non valutare di riproporre, magari con cadenza trimestrale, un progetto simile a quello finanziato dalla Regione e denominato ” Ci sto? Affare fatica! Facciamo il bene comune”, volto ad impegnare i ragazzi in azioni di cittadinanza attiva». A FdI piace anche l’idea messa in campo a Macerata: “Tutti X Uno – Includiamoci”, «un progetto di inclusione sociale, gratuito, per bambini e ragazzi, che promuove lo sport come sano stile di vita e strumento di crescita per uno sviluppo psico-fisico ottimale. Utili sarebbe, inoltre, creare un Cag, Centro di aggregazione giovanile, che ad Osimo, di fatto, manca. – chiude Michela Staffolani – Invitiamo l’Amministratore a valutare le nostre proposte ed, eventualmente, a condividerle e metterle in pratica anche con l’aiuto dei Comuni limitrofi».

Baby gang, rinforzati i controlli: Osimo dal prefetto per ‘blindare’ il centro

Tredicenni derubati a cena: identificata la baby gang

Allarme baby gang, l’assessore: «Il fenomeno non può essere risolto solo con interventi di tipo repressivo»

Baby gang colpisce in centro storico: «I nostri figli 13enni rapinati ai tavoli del ristorante»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X