facebook rss

Verifiche per l’amianto
sui capannoni industriali

SIROLO - Con il censimento sono state acquisite le documentazioni tecniche sulla composizione e sullo stato dei tetti di 17 stabilimenti dell'ex zona artigianale, 4 verranno privati nelle prossime settimane della pericolosa copertura in eternit
Print Friendly, PDF & Email

 

Il Comune di Sirolo, dopo la tromba d’aria del 9 luglio 2019, ha coordinato per mesi l’attività di bonifica dall’eternit dei tetti dei capannoni industriali spezzato e trasportato dal vento anche a chilometri di distanza, in collaborazione coi Carabinieri del Nucleo Forestale di Sirolo. «Dopo questo evento, anche per rispondere alle richieste di una sirolese e del Comitato Zona Residenziale, è iniziata l’attività certosina di verifica effettuata dall’Ufficio Tecnico- ricorda il sindaco Filippo Moschella – , diretto dall’ingegnere Corrado Francinella e con la collaborazione del geometra Emanuele Maceratesi, volta a conoscere lo stato di conservazione dei tetti in lastre di cemento amianto dei capannoni siti nell’ex Zona Artigianale, compresa fra Viale 1  Maggio, Via Repubblica, Piazza 8 Marzo, Via del Lavoro, Via La Forma, Via Zona Industriale e Via Molini I».

Adesso, per la prima volta, sono state acquisite le documentazioni tecniche inerenti la composizione e lo stato dei tetti dei 17 capannoni industriali attualmente presenti nella zona, da cui si è appreso che 6 capannoni hanno i tetti in amianto (1 incapsulato) e controllati con cadenza biennale, altri 6 capannoni sono stati privati dei tetti in cemento amianto in passato e la copertura è realizzata con altri materiali, per 1 capannone con tetto in cemento amianto è stato chiesto al liquidatore, nominato dal Tribunale, la valutazione dello stato di conservazione dei pannelli di copertura, mentre per 4 capannoni, dopo la richiesta di notizie da parte dell’Ufficio Tecnico, sono iniziate le procedure per la rimozione completa dei tetti in amianto, sostituito da altri materiali.

«Con la sola opera di censimento e verifica altri 4 capannoni verranno privati nelle prossime settimane della pericolosa copertura in eternit, – commenta soddisfatto il sindaco Moschella – così come sono privi altri 6, superando il 50% dei capannoni presenti nella zona. In questo modo sarà preservato maggiormente l’ambiente rurale unico e riqualificata una zona degradata da parecchi decenni a causa della diminuzione delle attività industriali, negativa per il turismo di qualità ricercato dall’amministrazione comunale. Nel contempo sarà tutelata la salute dei numerosi sirolesi residenti nella zona in case e condomini di qualità che stanno sostituendo gradualmente i capannoni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X