facebook rss

Fiumi di droga sulle strade:
oltre 10 chili sequestrati nel 2017
dalla narcotici

ANCONA - L'attività di contrasto allo spaccio della Squadra Mobile ha permesso agli agenti di lavorare in tutta la provincia. La marijuana è la più diffusa sulla piazza: ritirati quasi 6 chili di erba. Ma gli investigatori hanno rintracciato anche un litro di metadone e la novità del mercato, l'olio di hashish usato per sballare con le sigarette elettroniche
giovedì 4 Gennaio 2018 - Ore 15:25
Print Friendly, PDF & Email

Un sequestro di droga risalente al 2017

 

Oltre dieci chili di droga sequestrati, 53 persone ammanettate e 23 denunciate in stato di libertà. Sono questi i numeri che hanno contraddistinto l’attività della sezione Narcotici della Squadra Mobile durante l’anno appena passato. Gli uomini della questura sono stati alla prese per tutto il 2017 con un’attività incessante di repressione e contrasto verso lo spaccio e l’uso di sostanze stupefacenti in tutto l’hinterland anconetano. I blitz hanno portato gli agenti a un sequestro complessivo di  10,3 chili di droga e 1,150 litri di sostanze divisi tra olio di hashish (150 ml) e boccette di metadone. La sostanza che più ha tenuto impegnati i poliziotti è stata la marijuana. Sotto chiave sono stati messi 5,9 chilogrammi. Sotto sequestro sono finiti anche quasi 3 chili di hashish.

Quantità minori per la cocaina e l’eroina. Per quanto riguarda la prima sostanza, gli agenti hanno strappato ai pusher 1,2 chili, mentre tocca quasi i due etti (162,53 grammi) il quantitativo relativo all’eroina. Nelle mani della polizia è finito anche un grammo di oppiacei e 72,01 grammi di anfetamine. Centocinquanta millilitri di olio di hashish, utilizzato per sballare la sigaretta elettronica, sono stati sequestrati a inizio 2017 a un 28enne che coltivava marijuana in un casolare di Agugliano (leggi l’articolo) e a un 55enne spagnolo, “gestore” di un campo di droga a Morro d’Alba (leggi l’articolo), arrestato a settembre. Strappati ai pusher, anche un litro di metadone.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X