facebook rss

Si ferma la ruota di Natale
«Ottima risposta, torneremo»

ANCONA – Polemiche ma anche persone in coda per salire sulla giostra natalizia. Il titolare Manuel Rambelli si dice più che soddisfatto: “Sapevamo che qua non sarebbe fallita” (Video)
lunedì 8 Gennaio 2018 - Ore 12:49
Print Friendly, PDF & Email

 

“Gli anconetani ci hanno ospitato in modo incredibile, torneremo di certo”. Parola di Manuel Rambelli, il titolare della discussa ruota natalizia di piazza Cavour. Domenica a mezzanotte l’ultimo giro di giostra per tutti, da oggi è iniziato lo smontaggio della attrazione, che parte in direzione Ferrara per il prossimo Carnevale. Il 21 novembre l’arrivo in città della maxi giostra, anticipato da settimane di critiche sia per i costi sostenuti dal Comune, circa 30mila euro per allestire la piazza con i basamenti in calcestruzzo, i sondaggi nel terreno e la perizia del geologo, sia per la scelta della piazza ottocentesca, appena restaurata. Ma al primo giro di prova, la sera del 24 novembre, c’era già il pubblico in fila per salire, tanto da spingere i titolari della giostra ad una apertura anticipata di un giorno rispetto al programma. Manuel Rambelli non si vuole sbottonare su incassi e spettatori ma si dice più che soddisfatto, nonostante nebbia e maltempo non abbiamo sempre aiutato. “E’ un bilancio positivo, siamo contenti che la città abbia risposto benissimo. Ci siamo trovati bene e torneremo al 99 per cento. Magari resteremo per un periodo più lungo, fino alla primavera. Sapevamo che la giostra qui non sarebbe fallita – continua il titolare, oggi presente in piazza Cavour durante le operazioni di smontaggio della giostra -. Gli anconetani ci hanno ospitato in modo incredibile, ce ne andiamo mal volentieri”. Al di là del numero di biglietti staccati o di quale sia la vista di Ancona dall’alto della giostra, la ruota natalizia di piazza Cavour si è imposta nei selfie e come cartolina di fine 2017 del capoluogo per anconetani e visitatori, facendo discutere e incuriosire.

(foto Giusy Marinelli)

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X