facebook rss

Elezioni 2018: affluenza al 76,6%
Lunghe code ai seggi
e negli uffici elettorali

ANCONA - Al via senza problemi le operazioni di voto nei 467 seggi della Provincia di Ancona. A mezzogiorno aveva votato il 19.87% degli aventi diritto, alle 19 il dato è salito al 61.72% - LA DIRETTA
Print Friendly, PDF & Email

I tagliandi antifrode, una delle novità introdotte dal Rosatellum

Un seggio a Torrette di Ancona

 

(fotoservizio Giusy Marinelli)

Aggiornamento 3.35:  Affluenza in Provincia, l’elettorato si attesta al 76,6%, record negativo nella città di Ancona. L’ufficialità del dato è arrivata solo alle 3.30, oltre 4 ore dopo la chiusura dei seggi delle 23, ad Ancona le operazioni di voto hanno registrato ritardi e imprevisti a causa delle nuove procedure di registrazione e scrutinio. In tutte le Marche, la provincia di Ancona è quella dove la partecipazione al voto è stata la più bassa. Affluenza in calo di 4 punti rispetto all’80,2% delle precedenti elezioni politiche del 2013. Record di astensionismo ad Ancona, dove l’affluenza si è attestata al 75,04%. Il massimo degli aventi diritto che si sono recati alle urne invece si è registrato a Castelleone di Suasa con l’81,53%. A Jesi, affluenza al 77,29%, a Senigallia il 76,15%, a Fabriano il 76,08%, a Osimo il 78,11%, a Falconara il 76,20%. L’astensione più alta si è toccata a Cerreto d’Esi, con il 70,8% di affluenza al voto, ben 6 punti in meno rispetto al 2013.

Aggiornamento delle 00.13: Ancora non sono definitivi i dati dell’affluenza della provincia di Ancona, dove mancano all’appello 13 Comuni su 47. I dati parziali danno un’affluenza al 77,10% degli elettori dell’Anconetano, la percentuale più bassa di tutte le province marchigiane, in calo rispetto al 79,8% delle precedenti elezioni politiche.

Aggiornamento ore 19.40 – Il dato definitivo di rilevazione delle ore 19 nella provincia di Ancona si è attestato sul 61.72 %. Una percentuale dei votanti in linea e in lieve ascesa rispetto a quella delle Politiche 2013, quando però si votava nell’arco di due giorni. Gli incrementi di punti percentuale rispetto a 5 anni fa si sono registrati soprattutto a Jesi e a Fabriano. Nel dettaglio alle 19 di oggi ad Ancona si era già espresso il 62.56% contro il 51.96% alle stessa ora delle Politiche 2013 e e del 61.79 delle 22 di quella stessa domenica, primo giorno di votazione. A Senigallia oggi alle 19 aveva votato il 58.24% contro il 51.86% alla stessa ora del 2013 (salito a 60.92% alle 22 della prima giornata di voto); a Jesi il 63.27% contro il 51.14% del 2013 (61.79% a conclusione della prima giornata di voto); a Osimo il 61.75% contro il 52.24% di 5 anni fa (il 62.46% prima alla chiusura dei seggi nel primo giorno di votazione) e a Fabriano il 64.11% contro il 49.18% del 2013 (56.09% alle 22 della domenica, primo giorno di voto).Nelle Marche alle 19 aveva votato il 62,22 degli aventi diritto per la Camera. Se in provincia di Ancona il 61,72% degli elettori si è già recato ai seggi, a Pesaro Urbino il dato si è assestato al 65,4%, a Fermo al 62,29, ad Ascoli Piceno al 60,08% e a Macerata al 60,75%. La media marchigiana è più alta del dato nazionale che è 58,44%.

Aggiornamento ore 19 –  Va attestandosi sopra il 60%, in linea con le Politiche del 2013, l’affluenza alle urne rilevata alle ore 19 di oggi nei seggi della provincia di Ancona (il dato si riferisce sempre alla Camera dei Deputati). Tra i dati, acora parziali, spicca la percentuale di voto degli elettori di Castelleone di Suasa che è svettata al 70.2%. Continua quindi a crescere l’affluenza alla urne.  Il confronto diventa più complicato con la precedente e omologa tornata elettorale.Nelle 2013, alle 19 di domenica, primo dei due giorni di votazione, si era espresso il 51.83% del corpo elettorale che alle 22 dello stesso giorno era salito al 61.25% .

***

Aggiornamento ore 18.15 – Continuano a registrarsi lunghe code di elettori e tempi di attesa dilatati per votare in molti seggi della provincia, come nel resto d’Italia. La prefettura di Ancona sta monitorando la situazione. La rimozione del talloncino anti-frode dalle schede  esige tempi più lunghi. Ad Osimo, in particolare diversi cittadini hanno telefonato all’ufficio elettorale del Comune per protestare e raccontare i disagi legali alle file che scorrono a rilento in alcuni seggi. Sporadica, ma comunque segnalata, anche la presenza di italiani residenti all’estero e iscritti nel regsitro dell’Aire, che tornati proprio oggi nelle Marche hanno chiesto di poter votare nei seggi della città natali. Una richiesta manifestata, però, fuori tempo massimo. Alcuni uffici elettorali della provincia, contattati i consolati del Paese di residenza degli elettori e verificata che la spedizione del plico elettorale era stata fatta all’indirizzo estero, non escluso dal voto questi elettori per non incappare nel rischio del voto doppio.

***

Aggiornamento ore 15.30 – Guai in vista per il falconarese che stamattina ha votato barrando la scheda prima ancora di entrare nella cabina elettorale. E’ stato denunciato per turbamento delle adunanze elettorali e danneggiamento delle schede elettorali (leggi l’articolo).

***

Aggiornamento ore 14.27 – Non si conoscono ancora i risvolti giudiziari che potrebbe aprire la vicenda dell’elettore di Falconara sorpreso a votare  fuori dalla cabina. Stamattina l’uomo è entrato in un seggio della scuola Aldo Moro ed ha deciso di barrato le schede davanti a tutti. E’ stato accompagnato nella caserma dei carabinieri di Falconara.(leggi l’articolo)

***

Aggiornamento  ore 13.35 – Più che buona l’affluenza al voto in tutta la provincia di Ancona che nella rilevazione delle 12, secondo i dati assunti dalla Prefettura di Ancona si è attestata su 19.87%, con picchi sopra al 23% rilevati nei Comuni di San Paolo di Jesi e a Barbara. Nel raffronto con le Politiche del 2013 (ma si votata in due giorni), alla stessa ora, nella precedente tornata elettorale aveva votato il 16,13% nell’intera provincia di Ancona. Il sindaco di Ancona, Valeria Mancinelli, ha votato poco dopo le 12.30 al seggio n.12 delle scuole ‘Pascoli’ di Ancona. Antonio Mastrovincenzo, presidente del Consiglio regionale delle Marche, ha invece votato stamattina nel seggio dell’Istituto comprensivo ‘Galileo Ferraris’ di Falconara Marittima.

***

Aggiornamento ore 13 – Lunghe code di elettori si sono formate in quasi tutti i seggi di Ancona verso mezzogiorno per effetto delle nuove regole di voto imposte dal Rosatellum soprattutto l’introduzione del tagliando anti-frode), ad Osimo anche all’ufficio elettorale del Comune dove molti cittadini hanno chiesto il rilascio di una nuova tessera per andare a votare. Alle 12 a Senigallia (il dato si riferisce alla Camera dei Deputati) si era già espresso il 18% del corpo elettorale, a Fabriano il 20.50%, ad Ancona il 21.13% mentre ad Osimo il 2040%. A Jesi la percentuale dei votanti alle 12 è salita al 21,16%, quasi 6 punti percentuale in più rispetto alle politiche del 2015 e alle Amministrative dello scorso anno.

***

Ore 11 – Sono iniziate senza problemi le operazioni di voto nei 467 seggi della Provincia di Ancona (1.574 in tutte le Marche), dove sono chiamati alle urne 363.933 elettori per la Camera (un milione 184.078 in tutte le Marche) e 337.214 (un milione 95 mila in tutte le Marche) per il Senato. Le urne saranno aperte fino alle 23 per il rinnovo della Camera dei deputati e per il Senato della Repubblica. In alcune città si lavora ancora per rimuovere i cumuli di neve dalla strade. A Jesi sono stati risolti già ieri pomeriggio i problemi tecnici del riscaldamento di alcuni seggi per l’impianto guasto dopo i giorni di neve mentre lo stesso inconveniente si è manifestato stamattina ad Osimo, con i termosifoni al gelo alla riapertura dei seggi delle scuole medie di Osimo Stazione. La funzionalità è stata ripristinata già dopo un’ora dalla ricostituzione delle sezioni elettorali. Sole ad Ancona,  a Fabriano e a Senigallia dove l’allarme Misa è rientrato in nottata.

Rinnovo delle tessere elettorali, cittadini in coda fin sulle scale all’ufficio elettorale di Ancona

 

Tutti in fila per votare nei seggi di Torrette

Elettori in fila per votare anche ai seggi delle elementari Montessori di Ancona

(servizio aggiornato alle 3.35)

Elezioni 2018: come si vota con tutte le novità del Rosatellum Spoglio dalle 23 di domenica

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X