facebook rss

Ancona Capitale della cultura,
chiamata a raccolta per i cittadini

INCONTRO pubblico organizzato dall'amministrazione, giovedì 6 febbraio, alla Mole, per spiegare il meccanismo del bando, descrivere le traiettorie della candidatura ed esporre le modalità di coinvolgimento e di partecipazione
Print Friendly, PDF & Email

 

Candidatura a Capitale italiana della cultura: l’amministrazione dorica chiama a raccolta i cittadini. Per giovedì 6 febbraio, alle 18 nella sala Boxe della Mole, è stato calendarizzato un incontro pubblico per spiegare il meccanismo del bando, descrivere le traiettorie della candidatura di Ancona ed esporre le modalità di coinvolgimento e di partecipazione alle associazioni sociali e culturali, alle imprese, ai singoli cittadini e professionisti che intendono partecipare al lavoro. «L’incontro – spiega l’assessore alla Cultura, al Turismo e alle Politiche giovanili Paolo Marasca – sarà il primo momento d’incontro, al quale ne seguiranno molti altri, più circoscritti a seconda dei progetti e delle idee, che contribuiranno alla costruzione del dossier di candidatura. Il bando emanato dal Ministero è una grande occasione di sviluppo e rafforzamento del tessuto sociale, oltre che di progettualità culturali e turistiche, è un bando moderno che ci trova in linea con le sue parole chiave, ed è per questo che la città lo utilizzerà per proseguire la sua crescita».
All’incontro sarà presente il Sindaco di Ancona, Valeria Mancinelli. Tra le città marchigiane candidate, c’è anche Fano, mentre Ascoli Piceno ha preferito fare un passo indietro.

Capitale italiana della Cultura, ecco cosa serve ad Ancona per farcela

Ancona si candida a capitale italiana della cultura

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X