facebook rss

Fa windsurf a Sirolo:
‘scortato’ fino a Portonovo
dalla Finanza e denunciato

CONTROLLI - L'uomo, un anconetano di 50 anni, ha riferito agli uomini del Compartimento Navale di non sapere che fosse vietato uscire con la tavola
Print Friendly, PDF & Email

Il Comparto Navale della Guardia di Finanza durante l’avvistamento del surfista

 

E’ partito con il surf da Sirolo in direzione Ancona ma è stato prontamente avvistato da una motovedetta del Comparto Navale della Guardia di Finanza e successivamente denunciato per l’inosservanza dell’ormai noto articolo 650 del codice penale in riferimento alla violazione del decreto ‘Io resto a casa’. L’uomo, un 50enne anconetano, è stato individuato questa mattina intorno alle 11, a qualche miglia da Sirolo. Avvicinato con la motovedetta dai finanzieri, è stato poi scortato fino a Portonovo dato che il Decreto prevede pure il divieto delle escursioni in mare fatta eccezione per il soccorso in acqua. L’uomo, alla domanda d’obbligo fatta dai militari sul perché fosse sul surf, ha risposto: «Non sapevo che era vietato». Ma la legge, è invece risaputo, non ammette ignoranza. Nel frattempo, sulla spiaggia vi era anche un’altra pattuglia del Comparto Navale che è stata poi impegnata nel redigere il verbale di denuncia ed effettuare la richiesta per la nomina del difensore d’ufficio del surfista. Oltre alla denuncia è scattata anche la sanzione di 206 euro. I controlli delle fiamme gialle, unica forza di polizia in mare che svolge attività di ordine e sicurezza pubblica in virtù anche del decreto uscito, proseguiranno costantemente anche nei prossimi giorni.

(al.big.)

Il Comparto Navale della Guardia di Finanza durante l’avvistamento del surfista

 

 

 

 

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X