facebook rss

Va in pensione
il comandante Antonio Pezzulla

SENIGALLIA – Cambio al vertice dopo 9 anni alla guida della Tenenza della Guardia di Finanza: al luogotenente subentrerà il sottotenente Francesco Cavuoto
Print Friendly, PDF & Email

La Tenenza della Guardia di Finanza di Senigallia

 

Dopo oltre 39 anni di servizio nel Corpo della Guardia di Finanza, di cui gli ultimi nove alla guida della Tenenza di Senigallia, il luogotenente cariche speciali Antonio Pezzulla ha lasciato, in questi giorni, il servizio attivo per sopraggiunti limiti di età. Nel corso degli anni alla guida delle Fiamme Gialle senigalliesi, lo stesso ha conseguito importanti risultati in tutti i vari settori di servizio che rappresentano il core business del ruolo di polizia economico-finanziaria del Corpo, dalla lotta all’evasione e alle frodi fiscali, alla contraffazione e alla tutela della sicurezza prodotti, fino agli illeciti in materia di spesa pubblica e ai reati contro la pubblica amministrazione. Fra le ultime rilevanti attività d’indagine portate a termine, si ricordano, ad esempio, le operazioni “Scatole cinesi” e “Domino”, che hanno permesso di scoprire delle vaste e articolate frodi fiscali per svariati milioni di euro nel settore tessile, poste in essere con l’utilizzo di decine di società di comodo gestite col sistema “apri e chiudi”. Il comandante provinciale di Ancona, gen. B. Claudio Bolognese nel corso di una cerimonia di saluto tenutasi presso il comando dorico ha indirizzato al Luogotenente Pezzulla un sentito ringraziamento per il proficuo lavoro svolto e l’impegno profuso nel corso della quarantennale carriera al servizio della collettività e ha rivolto i migliori auspici al successore, il sottotenente Francesco Cavuoto. Quest’ultimo, di origine pugliese, cinquantatrè anni, durante il proprio percorso professionale ha ricoperto vari incarichi operativi presso i Nuclei di Polizia Tributaria di Palermo e Ancona, è stato comandante della allora Tenenza di Falconara Marittima e della Sezione Operativa Volante della Compagnia di Jesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X