facebook rss

Green pass sui bus, controlli rafforzati:
multe al capolinea del maxiparcheggio

OSIMO - Sono state elevate nel corso dei controlli congiunti del Commissariato con le altre forze dell'ordine. Ieri gli accertamenti si sono concentrati anche in diversi esercizi di parrucchieria, centri benessere ed un centro massaggi della Stazione. Servizi di prevenzione anti-bulli anche nei locali del Mercato coperto di via San Francesco dove sono stati identificati diversi minori
Print Friendly, PDF & Email

La polizia di Osimo all’ingresso del Tiramisu, l’impianto di risalita del maxiparcheggio (foto d’archivio)

 

Possesso del certificato verde, sono stati rafforzati i controlli delle forze di polizia sugli autobus di linea e nei negozi di Osimo, operativi anche nelle frazioni. Negli ormai consueti servizi di pattugliamento del sabato sono state svolte anche azioni di prevenzione anti-bulli nei luoghi di aggregazione dei più giovani, anche nei locali del Mercato ortofrutticolo di via San Francesco. Nell’ambito dei servizi disposti dal Questore di Ancona, Cesare Capocasa, e coordinati dal Commissariato della Polizia di Stato di Osimo, diretto dal vice questore Stefano Bortone, con le altre forze dell’ordine e la Polizia locale, a tutela della salute e della sicurezza pubblica, nel pomeriggio di ieri, sabato 22 gennaio, gli operanti sono stati ancora impegnati sul territorio osimano al fine di prevenire ed arginare situazioni di illegalità e possibili violazioni delle regole volte al contenimento e contrasto della diffusione del Covid 19. Il dispositivo del servizio è stato articolato mediante l’effettuazione di posti di controllo nelle vie strategiche cittadine, pattuglie appiedate nei vicoli e vie del centro storico, verifiche in vari esercizi pubblici ed attività del possesso della prescritta carta verde da parte di titolari, dipendenti ed avventori, nonché perlustrazioni ed ispezioni nei pressi degli spazi del locale mercato coperto e di tutta l’area insistente nel maxiparcheggio di via Colombo, nella quale a causa del solito traffico intenso del sabato pomeriggio di autobus e pullman si sono concentrati prevalentemente i controlli anti Covid 19.

Foto archivio

Proprio durante le verifiche espletate nei confronti di alcuni utenti del servizio di trasporto pubblico dell’impianto di risalita che dalla suddetta area consente in poco tempo di giungere in pieno centro storico, il personale operante ha accertato in due casi la violazione della normativa volta alla prevenzione e contrasto del virus, contestando appunto nei confronti di due ragazzi il mancato possesso della certificazione verde, che come è noto, a seguito di uno degli ultimi interventi legislativi sul punto, è obbligatoria anche a bordo dei mezzi di trasporto pubblici. Inoltre, durante il servizio di questo fine settimana, gli accertamenti si sono concentrati anche in diversi esercizi ed attività di Osimo Stazione; in particolare sono stati controllati diversi esercizi di parrucchieria, centri benessere ed un centro massaggi, nei quali a decorrere da qualche giorno è richiesto il cosiddetto green pass anche a ai clienti di tali esercizi. Tuttavia, in questo caso non sono state riscontrate irregolarità, sia da parte dei titolari e gestori che da parte del pubblico.

La vetrina dela Civica Galleria del Figurino Storico di Osimo

All’interno dei locali del mercato coperto, invece, sono stati identificati diversi minori e sono stati instaurati contatti diretti con alcuni titolari di attività commerciali ubicate all’interno del suddetto mercato, al fine di accertarsi della eventuale sussistenza di situazioni di criticità e degrado, dopo che in passato erano state segnalate decine di adolescenti che si erano resi responsabili di condotte di disturbo della quiete pubblica e di atteggiamenti denotanti scarso senso del buon vivere civile, avendo lasciato a terra rifiuti e sporcizia varia prima di allontanarsi dal posto. L’attenzione degli agenti, pertanto è stata concentrata proprio in prossimità del Museo del Figurino Storico, ma nella circostanza tutto era in ordine e non sono state registrate problematiche. All’esito del servizio integrato di controllo del territorio, sono state identificate quasi duecento persone e controllati una trentina di veicoli, procedendo in un caso alla redazione di un verbale di contestazione di illecito amministrativo per violazione del Codice della Strada, ed all’accertamento della trasgressione della normativa anti Covid 19 nei confronti di due persone.

 

La pensione si ritira con il green pass, Draghi firma il Dpcm: ecco l’elenco delle attività ‘esenti’

L’ultima sfida dei bulli: sputi sulla vetrina del Museo del Figurino Storico

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X