facebook rss

Maiolati celebra i 171 anni
dalla morte di Gaspare Spontini

COMMEMORAZIONE - La cerimonia, domenica prossima, si terrà in forma ristretta a causa della pandemia. Nella stessa giornata sarà visitabile la casa museo del compositore. E' richiesto il super green pass
Print Friendly, PDF & Email

 

Il murale dedicato al compositore dipinto nella facciata scuola di Maiolati Spontini

 

 

Il 24 gennaio ricorre il 171esimo anniversario della morte di Gaspare Spontini. La celebrazione della ricorrenza organizzata dal Comune di Maiolati Spontini, si terrà domenica 30 gennaio con la messa in suffragio nella chiesa parrocchiale di Santo Stefano Protomartire alle ore 11. L’Amministrazione comunale di Maiolati Spontini e la Fondazione Gaspare Spontini comunicano che la cerimonia si terrà in forma ristretta, viste le norme in vigore a causa della pandemia. «Nella stessa giornata il Museo Gaspare Spontini sarà aperto al pubblico dalle 16 alle 19. Per la visita al Museo è richiesto il super Green Pass. Il costo del biglietto è di 3 euro. – si legge ancora nel comunicato – La comunità di Maiolati Spontini non rinuncia, dunque, all’appuntamento in ricordo del grande compositore dal respiro europeo, del musicista appassionato che, come ricordava Filippo Caffarelli nel 1951 in occasione del centenario della morte, «con la sua opera offre la più convincente testimonianza storica che la musica, la più spirituale fra le arti, consocia i popoli in una stessa civiltà con una ragione comune ancora più profonda e dinamica».

Ed è proprio la musica che porta Spontini ad essere attento ai più fragili, sensibile ai bisogni dell’umanità. Scriveva Ignazio Montanari nell’Elogio Funebre pronunciato il 26 febbraio 1851 che “la sua casa in Francia era un ospitale asilo per tutti. Non respingeva nessuno, e ne soffriva quando non riusciva ad accontentarli… E ancora in Germania, specialmente a Berlino, stabiliva una rendita a servizio di quegli artisti che per infermità, o per sfortuna, o altra onesta ragione fossero scaduti, e delle loro vedove e dei loro figli… A Jesi poneva con larghe somme un Monte di Pietà… A Maiolati il nome del Benefattore passerà di famiglia in famiglia…stampate per sempre nel vostro cuore”».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X