facebook rss

Fibra ottica nella zona industriale:
«Jesi è ‘a prova di futuro’»

IL SINDACO Massimo Bacci ha presentato il progetto della nuova rete ultraveloce. «Siamo tra le pochissime città delle Marche che hanno completato questa operazione»
Print Friendly, PDF & Email

Il sindaco Bacci (al centro) con Pierluigi Bocchini e Walid Bounassif

 

«Da oggi l’intera zona industriale e l’intera zona artigianale di Jesi sono servite da fibra ottica dedicata. Una rete ultraveloce che copre l’intera tratta dalla centrale fino a dentro ciascuna azienda, senza più armadietti su strada, connessioni in rame o wireless e senza più condivisioni con altre imprese limitrofe. Ciò consente di ottenere il massimo delle performance, con velocità fino a 100 Gigabit al secondo e massima stabilità». Il sindaco Massimo Bacci ieri ha voluto rimarcare l’importanza del progetto nell’incontro stampa al quale hanno partecipato anche il presidente di Confindustria Ancona Pierluigi Bocchini, e Walid Buonassif, amministratore delegato di Fibraweb.

Bacci ha definito il servizio «”a prova di futuro” perché in grado di supportare tutte le potenzialità della banda ultra-larga, abilitando le aziende, sia piccole che grandi, all’accesso a tecnologie all’avanguardia (come domotica, big data, IoT). – ha sottolineato – Siamo se non la prima in assoluto, tra le pochissime città delle Marche che hanno completato questa operazione, con il Comune agevolatore e Fibraweb come società che, partecipando al bando pubblico, ha potuto ottenere l’utilizzo dei cavidotti per il passaggio della fibra. E mi fa piacere che anche dal presidente di Confindustria Ancona sia stata evidenziata l’importanza di questa infrastruttura che viene ritenuta fondamentale dal mondo delle imprese per accrescere efficienza, qualità e servizi, migliorando la competitività in un mercato sempre più globale». Per evitare l’interramento dei cavi, il Comune ha messo a disposizione dell’azienda i cavidotto, circa mille le partite iva che potranno beneficiare della nuova infrastruttura digitale che si estende dalla zona industriale di Jesi fino a Monsano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X