facebook rss

Intascava i soldi delle bollette:
amministratore di condominio
a processo

TRIBUNALE - In due anni, il libero professionista avrebbe truffato otto palazzi di Camerano e Castelfidardo, riuscendo a racimolare un bottino di oltre 100 mila euro. In tribunale si dovrà difendere dall'accusa di appropriazione indebita
venerdì 6 Ottobre 2017 - Ore 19:47
Print Friendly, PDF & Email

Il tribunale

Si sarebbe intascato i soldi destinati a pagare le utenze di 6 palazzi sparsi tra Camerano e Castelfidardo: amministratore di condominio a processo. L’uomo, tra il 2008 e il 2010, si sarebbe appropriato indebitamente di oltre 100 mila euro, truffando almeno una trentina di inquilini. Il professionista, un 59enne, salirà sul banco degli imputati il primo dicembre. Secondo quanto riscontrato dalla procura, l’amministratore avrebbe trattenuto le somme percepite dai condomini anziché utilizzarle per pagare le utenze, le spese sostenute per la manutenzione ordinaria e straordinaria e altre prestazioni erogate alle unità abitative da lui gestite. Tra i palazzi maggiormente truffati, risulta esserci un immobile di via XXV aprile, a Castelfidardo. Qui, l’uomo avrebbe beffato ben 19 residenti, intascandosi quasi 16 mila euro che, in teoria, avrebbero dovuto coprire le spese per la manutenzione dell’ascensore e le bollette dell’energia elettrica. Sempre nella città delle fisarmoniche, sarebbe riuscito a veicolare sul suo conto 22 mila euro, destinati a liquidare le bollette dell’energia elettrica  usata da uno stabile di via Vento. A Camerano, invece, avrebbe riscosso la somma record: 27 mila euro ricevuti da alcune unità immobiliari di via Marinelli. Nelle sue possibilità sarebbe anche rientrata la riscossione di una polizia assicurativa del valore di 2,5 mila euro legata a una perdita d’acqua accusata da un condomino. Per la dinamica, la vicenda ricorda quella per cui è finito a processo un amministratore condominiale di Falconara che, secondo la magistratura, sarebbe sparito con oltre 230 mila euro, soldi ricevuti da 8 immobili. La storia era stata anche raccontata in tv da Salvo Sottile, durante la trasmissione Mi Manda Raitre.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X