facebook rss

Inquinamento, Italia Nostra lancia
i cittadini “acchiappa smog”

ANCONA – L'associazione annuncia l'acquisto di strumenti portatili per rilevare le polveri sottili, in mancanza delle centraline di rilevamento dell'Arpam. “E' una campagna di scienza insieme ai cittadini” dichiara Maurizio Sebastiani
lunedì 19 Marzo 2018 - Ore 12:10
Print Friendly, PDF & Email

 

Qualità dell’aria, Italia Nostra lancia una “campagna di scienza insieme ai cittadini”, con l’acquisto di strumenti portatili per rilevare le polveri sottili e lo smog. “Purtroppo da cinque anni non esistono sistemi di controllo sul livello dell’inquinamento a parte l’inutile centralina collocata al Parco della Cittadella – si legge in una nota dell’associazione -. Per questo motivo il Consiglio Direttivo di Italia Nostra Ancona ha deciso di promuovere la acquisizione di strumenti portatili di controllo dei principali inquinanti che possano servire a monitorare nelle strade anconetane il PM 10, il PM 2,5 in modo da attivare una campagna di ‘scienza insieme ai cittadini’, la citizenscience, già diffusa in altri paesi europei per aprire la strada a strumenti integrativi, in linea con le direttive europee che prevedono anche l’utilizzo di sistemi mobili concepiti per creare una rete più diffusa e capillare”. In arrivo in città la seconda centralina “di traffico”, il sito prescelto dai tecnici di Arpam, Comune e Regione è l’ex fornace Verrocchio in via Flaminia, ma dopo anni di immobilismo e sottovalutazione del problema, Italia Nostra ha deciso di prendere l’iniziativa. “La sezione di Ancona, che aderisce anche alla Associazione “Cittadini per l’aria”, parteciperà alla iniziativa che misurerà il grado di inquinamento da NO2 nella area portuale di Ancona così come avverrà, in contemporanea, in altre città portuali – conclude l’associazione -. Contiamo quindi di iniziare a pubblicizzare a breve i reali livelli puntuali di inquinamento in modo da permettere di conoscere la verità, in assenza di interventi del Comune che, anche quale autorità di sanità pubblica, pensa ancora a realizzare ulteriori parcheggi in centro città”.

Print Friendly, PDF & Email


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X