facebook rss

‘6000 piantine per Elica’,
le Sardine solidali con i lavoratori

ANCONA - Domenica pomeriggio in piazza Roma, i volontari distribuiranno a quanti saranno interessati piante officinali e aromatiche. Il ricavato delle vendite verrà devoluto interamente alle maestranze della multinazionale che ha annunciato la delocalizzazione in Polonia delle produzioni italiane
Print Friendly, PDF & Email

Le 6000 Sardine Marche si mobilitano a sostegno dei lavoratori Elica con una iniziativa di solidarietà. «Domenica prossima, 27 giugno, in piazza Roma ad Ancona dalle 17 alle 22 i nostri volontari distribuiranno a quanti saranno interessati piante officinali e aromatiche, il ricavato delle vendite verrà devoluto interamente a sostegno dei tanti dipendenti che stanno rischiando il proprio posto a causa di chi ha fatto dell’egoismo un modello d’impresa» annunciano. «Elica ha annunciato notte tempo il suo nuovo piano industriale scuotendo gli animi dei tanti che dipendono da essa per mettere insieme il pranzo con la cena. – scrivono ancora le Sardine – L’azienda ha deciso che la soluzione a tutte le difficoltà passeggere e non, fosse delocalizzare. Lo stabilimento di Cerreto d’Esi verrà dunque chiuso e come già detto centinaia di famiglie pagheranno lo scotto dello scellerato piano industriale promosso dall’ex senatore di Forza Italia Francesco Casoli, ai vertici dell’azienda di elettrodomestici. Le Sardine come gruppo territoriale non ci stanno e si appellano all’amministrazione regionale affinché il nuovo piano industriale dell’azienda di Fabriano venga rivisto per scongiurare un dramma occupazionale nel pieno di un già difficile periodo di disgregazione e tensione sociale». Le Sardine hanno quindi deciso di fare la loro parte ed unirsi alla battaglia di sindacati e dipendenti,«mettendo in campo un’iniziativa di raccolta fondi per la cassa comune a supporto dei tanti salariati che si vedranno catapultati nel limbo della disoccupazione nel caso il nuovo piano industriale dovesse rimanere invariato» chiude il comunicato.



Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X