facebook rss

In due settimane quadruplicate
le classi in quarantena nell’Anconetano

I DATI dell'Ufficio scolastico regionale - Nella nostra provincia si è passati da 40 a 167 gruppi scolastici costretti a stare lontano da scuola. L'incidenza maggiore si registra alle elementari
Print Friendly, PDF & Email

 

Triplicano le classi in quarantena nelle scuole marchigiane rispetto a due settimane fa e nell’Anconetano sono addirittura quattro volte di più. In aumento anche le classi in didattica a distanza. Le più “provate” superiori ed elementari. E’ la fotografia che emerge dal bollettino diffuso dall’Ufficio scolastico regionale sulle classi di ogni ordine e grado delle scuole marchigiane nelle quali si sono riscontrati studenti e studentesse positivi al Covid.

I dati evidenziano le classi in quarantena e quelle in didattica a distanza: mentre per la dad ci sono a disposizione i dati al 18 gennaio, per le quarantene il parametro è monitorato al 12 gennaio. Sono 705 attualmente le classi “chiuse” per quarantena a fronte dei 218 del 12 gennaio di cui 256 alla secondaria di secondo grado, 225 alla primaria, 130 alla scuola d’infanzia e 94 alla secondaria di primo grado. In provincia di Ancona sono 167 le classi in quarantena. Erano 40 nella settimana del 12 gennaio.

Numeri in rialzo anche sulla dad che passa da 805 classi del 18 gennaio alle attuali 1323, con la provincia di Ancona al primo posto con 416 classi.

Il bollettino fornisce anche i dati circa la vaccinazione nella fascia di età scolare dai 5 ai 19 anni: la percentuale dei ragazzi e delle ragazze vaccinate fra 12 e 19 anni con almeno la prima dose è pari all’84% della popolazione (18.788 studenti), scende al 66% la percentuale di quelli che lo hanno completato con due dosi (14.731) e addirittura il 17% ha effettuato anche il richiamo con la dose booster (2608). Pari al 15% i non vaccinati. Ma le percentuali sono completamente ribaltate se si osserva la fascia di età più giovane dai 5 agli 11 anni. Qui solo un bambino su 10 praticamente ha avuto accesso alla vaccinazione.

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X