facebook rss

Potenziamento della ferrovia Adriatica
«Raddoppiati i fondi a disposizione:
da 1,85 a 3,75 miliardi per le Marche»

IL PRESIDENTE della Regione Acquaroli: «In secondo luogo è stata accettata una visione unitaria regionale dell’intervento, suddiviso in fasi, come abbiamo da sempre proposto»
Print Friendly, PDF & Email

Acquaroli_Confartigianato_FF-2-325x217

Francesco Acquaroli

 

«Durante queste settimane il progetto di potenziamento della linea ferroviaria Adriatica ha compiuto, a seguito delle interlocuzioni che abbiamo avuto con il Ministero delle infrastrutture ed i Comuni, un significativo passo in avanti in termini di qualità e quantità poiché ora riguarda l’intero territorio marchigiano con effetti importanti».

Sono le parole del presidente della Regione Francesco Acquaroli sul progetto di potenziamento delle ferrovia nelle Marche.  Acquaroli specifica anche quali sono stati i passi in avanti. «Il primo è sul piano finanziario – scrive – dove è stata raddoppiata la dotazione prevista per le Marche, passando da 1,85 a 3,75 miliardi di euro di investimenti. In secondo luogo è stata accettata una visione unitaria regionale dell’intervento, suddiviso in fasi, come da sempre proposto dalla Regione. Partirà inoltre la progettazione per tutto il centro-sud delle Marche dove è stato accolto il principio di tutela delle aree di particolare pregio turistico, naturalistico, culturale e spirituale fortemente richiesto dai Comuni, con la previsione di soluzioni di tracciato ipogee. Siamo soddisfatti per i notevoli passi avanti – conclude Acquaroli – ma il nostro giudizio definitivo, comunque, è legato nella fase di progettazione operativa al rispetto di tali condizioni ed alla soluzione di alcune criticità puntuali ancora esistenti, come ad esempio la necessità del proseguimento del by-pass Pesaro-Fano fino a sud di Marotta. La nostra intesa è condizionata al rispetto degli impegni presi.



Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X