facebook rss

Ex Tubimar, imperativo categorico:
«Ripartire nel più breve tempo possibile»

ANCONA - Riunione tra l'Authority, operatori, associazioni di categoria e sindacati per il futuro del porto. Alcune ale del capannone divorato dalle fiamme sono già tornate operative
Print Friendly, PDF & Email

Una parte di capannone dell’ex Tubimar

 

Dall’emergenza alla ripartenza nel più breve tempo possibile. E’ l’obiettivo condiviso da Autorità di sistema portuale, Capitaneria di porto e Comune di Ancona, associazioni di categoria, sindacati e operatori portuali sulla rinascita dell’area ex Tubimar nel porto di Ancona dopo il terribile incendio del 16 settembre, riuniti nella sede Adsp per un confronto sulla strategia da definire per il futuro della zona produttiva logistica.. Tutti i presenti hanno condiviso la necessità di lavorare insieme alla definizione di una strategia per l’area logistica nel minor tempo possibile tutelando il lavoro delle imprese e l’occupazione. Richieste a cui è giunta la rassicurazione dei vertici dell’Autorità di sistema portuale sulla base anche di quanto fatto in queste due settimane.

Matteo Paroli

«Sull’area ex Tubimar più colpita dall’incendio – ha spiegato il segretario generale Matteo Paroli – vige un’ordinanza che prevede l’accesso agli operatori nell’area interdetta, per esigenze di attività, solo a seguito di una specifica autorizzazione dell’Autorità di sistema portuale. Abbiamo già incaricato uno studio ingegneristico specializzato per la verifica di agibilità dei capannoni non intaccati dall’incendio, alcuni sono già stati restituiti ai concessionari per le proprie attività di impresa, altri contiamo nel più breve tempo possibile di recuperarli e renderli di nuovo disponibili».

Rodolfo Giampieri

«Dobbiamo trasformare un anno veramente difficile in energia positiva indispensabile per affrontare la ripartenza – ha detto il presidente dell’Autorità di sistema portuale, Rodolfo Giampieri -. Le priorità immediate erano: nessun danno alle persone e qualità dell’aria nei limiti della norma, verificata grazie alla severa e professionale analisi di Arpam e Asur Marche. Entrambe sono state superate. Ora vogliamo e dobbiamo mettere insieme le forze migliori del territorio, rappresentate anche in questo incontro, per far sì che da questo delicato periodo possa nascere un’occasione storica per modernizzare il porto di Ancona velocizzando la soluzione di quei temi ancora in sospeso che possono portare linfa vitale allo sviluppo dello scalo, come il collegamento alla grande viabilità, un piano per i dragaggi efficace e condiviso, l’acquisizione dell’area ex Bunge, tutto grazie al continuo impegno congiunto di enti e istituzioni. Forti segnali per il futuro sono arrivati dal finanziamento di 40 milioni del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per il raddoppio della capacità produttiva di Fincantieri, dall’ordine del giorno approvato all’unanimità dal Consiglio comunale di Ancona per chiedere un finanziamento straordinario e urgente al Mit a supporto della logistica del porto di Ancona e dalla disponibilità del neo governatore Acquaroli che, fin da subito, ha dimostrato di credere nell’importanza dello sviluppo dello scalo. Tutto questo con l’obiettivo di difendere il valore aggiunto del nostro porto: maestranze di qualità e imprenditori che guardano con visione e coraggio al futuro».

«Chiedere un finanziamento straordinario per ricostruire l’ex Tubimar»

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X