Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Spazio disponibile
facebook rss

«Whirlpool, l’Elettrodomestico
va dichiarato settore strategico»

FABRIANO - Il senatore Antonio De Poli presenterà nei prossimi giorni un'interrogazione parlamentare a tema indirizzata al ministro dello Sviluppo economico, Adolfo Urso

Lo stabilimento di Melano a Fabriano

 

«Aprire un tavolo nazionale per affrontare la crisi del comparto degli elettrodomestici, dichiarare il settore come strategico e, quindi, destinatario di politiche industriali mirate a rilanciare il tessuto produttivo nei territori, a partire dalle Marche dove oltre 1500 lavoratori della Whirpool sono in apprensione per il loro futuro lavorativo». A chiederlo in una nota è il senatore Antonio De Poli che, a Palazzo Madama, presenterà nei prossimi giorni un’interrogazione parlamentare indirizzata al Ministro dello Sviluppo economico, Adolfo Urso.

«Va salvaguardata l’occupazione e la presenza del comparto strategico degli elettrodomestici in Italia e nelle Marche. A Fabriano e Comunanza sono quasi 1.500 i lavoratori coinvolti, mentre in tutta Italia si arriva a 5000 dipendenti. Abbiamo la necessità, in questa crisi difficile e complessa, aggravata dai rincari delle materie prime e dal caro-energia, di concentrare gli sforzi su alcuni asset produttivi strategici per la nostra economia nazionale», evidenzia De Poli secondo cui «la maggioranza di Centrodestra ha il compito di colmare l’assenza di politiche industriali degli ultimi decenni».

«Non possiamo rimanere fermi: bisogna agire prima che sia troppo tardi per fermare il processo di desertificazione industriale. Come sappiamo, ad aprile, i vertici della Whirpool hanno annunciato di voler vendere gli stabilimenti dell’area Europa. Secondo quanto ci risulta, sono in corso le trattative con altri due gruppi del settore dell’elettrodomestico interessati all’acquisizione. Stiamo dalla parte dei lavoratori e delle famiglie. Dobbiamo assicurare, costi quel che costi, il mantenimento degli attuali livelli occupazionali e la continuità produttiva degli stabilimenti ma – precisa – ciò che è indispensabile, a mio avviso, è agire nelle sedi competenti affinché si definisca una linea industriale su un comparto che è strategico per lo sviluppo e la crescita del manifatturiero italiano» conclude De Poli.



Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




X