facebook rss

Whirlpool, Stefano Aguzzi incontra
sindaci e rappresentanti sindacali

LAVORO - I primi cittadini di Fabriano, Sassoferrato, Genga e Cerreto d'Esi si sono già confrontati con le sigle sindacali lunedì scorso. L'assessore regionale al Lavoro ha fissato la data del vertice: «Ho già contattato il sindaco Daniela Ghergo dando la mia disponibilità per il giorno 21 luglio. Sono pienamente disponibile, come sempre, ad affrontare queste tematiche con chiunque sia interessato a discuterne»
Print Friendly, PDF & Email

 

Lunedì scorso, in Comune a Fabriano, si sono incontrati i sindaci del territorio e le organizzazioni sindacali di categoria Fim,Fiom e Uilm ed i responsabili zonali di Cgil, Cisl e Uil. Dopo un’ampia disamina della situazione economico/produttiva del territorio, si è preso in esame l’aspetto relativo al settore metalmeccanico ed in particolare agli sviluppi di carattere finanziario e di mercato legati alla situazione internazionale; tali aspetti potranno avere notevoli ricadute occupazionali sulle aziende presenti nel nostro distretto industriale. «In particolare – fa sapere una nota del Comune di Fabriano – si è presa in considerazione la situazione del gruppo Whirlpool (successivamente si prenderanno in considerazione anche altre aziende di altri settori presenti nella nostra realtà produttiva). L’annuncio della multinazionale della rivisitazione dell’organizzazione dell’area Emea, fa di converso presupporre che potrà essere preso in considerazione anche il disimpegno della Whirlpool dall’Europa. La cessione dello stabilimento Russo al competitor Arcelik desta particolare preoccupazione in merito alle eventuali decisioni che potrebbero essere annunciate in autunno».

Nel contempo le organizzazioni sindacali si sono attivate a livello nazionale per richiedere un incontro al Ministero dello Sviluppo Economico, dove è già aperto un tavolo di crisi, al quale tuttavia ad oggi non abbiamo avuto ancora riscontro. «I sindaci del territorio – presenti, oltre al sindaco di Fabriano Daniela Ghergo, i primi cittadini di Sassoferrato Maurizio Greci, di Genga Marco Filipponi e di Cerreto d’Esi David Grillini – hanno concordato un’azione unitaria volta sia alla difesa del lavoro esistente e alla tutela dei lavoratori, sia all’implementazione di tutte quelle attività e servizi, dalle infrastrutture materiali e immateriali alla formazione, che possano rendere il territorio dell’area interna attrattivo per le imprese e per gli investimenti».

«Rileviamo con soddisfazione – spiegano coralmente i sindaci nella stessa nota – come si sia registrata una positiva convergenza tra Enti e organizzazioni sindacali nell’affrontare tematiche di rilievo per il futuro lavorativo del nostro territorio. Questo rappresenta un metodo di lavoro che proseguiremo, perché dà forza alle giuste istanze di attenzione e di valorizzazione delle nostre realtà produttive. Riguardo gli elementi di preoccupazione su possibili criticità aziendali, chiederemo alla Regione di istituire un comitato permanente di osservazione e coordinamento, per poter valutare le azioni e le iniziative da intraprendere per evitare situazioni di crisi. In contemporanea, attiveremo un canale di interlocuzione con i Ministeri competenti». Fim, Fiom e Uilm con le rispettive confederazioni hanno già effettuato una prima giornata di mobilitazione sotto le prefetture dei territori in cui sono presenti i plant del gruppo ed hanno chiesto, congiuntamente ai colleghi di Comunanza un incontro con la Regione Marche.

L’assessore regionale al Lavoro Stefano Aguzzi fa sapere di aver letto «che alcune fonti sindacali lamentano il fatto che la Regione sarebbe dovuta intervenire organizzando un incontro in merito alla vicenda Whirlpool e alle eventuali ricadute sul territorio marchigiano. Ci tengo a sottolineare che ad oggi non ho ricevuto da parte delle rappresentanze sindacali alcuna richiesta di incontro come invece asserito, e faccio presente che avevo già in precedenza fissato un appuntamento a Comunanza con il sindaco e le parti sindacali per il 22 luglio. Non ho quindi alcuna difficoltà ad intraprendere una iniziativa simile a Fabriano. Ho già contattato il sindaco dando la mia disponibilità per il giorno 21 luglio per un incontro in presenza con le istituzioni e i sindaci del territorio e le parti sindacali, insieme o anche in riunioni separate. Sono dunque pienamente disponibile, come sempre, ad affrontare queste tematiche con chiunque sia interessato a discuterne».



Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X