facebook rss

Raffineria Api, parte la bonifica
di un serbatoio: possibili esalazioni

FALCONARA - A renderlo noto con una circolare inviata all'amministrazione comunale, all'Asur e ai vigili del fuoco è stato il centro di stoccaggio. L'attività è partita ieri e proseguirà per circa dieci giorni
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

Parte la bonifica a uno dei serbatoi dell’Api: possibili esalazioni per i prossimi dieci giorni. A comunicare quello che potrebbe diventare un disagio per tutta la cittadinanza falconarese è stata la raffineria stessa con una circolare inviata al Comune, ai vigili del fuoco, all’Asur, alla Provincia, all’Arpam e agli altri enti preposti. Questa volta, la bonifica non toccherà il serbatoio TK61, quello finito al centro dell’inchiesta avviata dalla procura, ma il TK218. L’azione di bonifica era già iniziata. Ecco quanto riportato dal Comune: “La raffineria Api ha comunicato che, a partire dal 17 settembre, sarà avviata la fase finale dell’attività di bonifica del serbatoio TK218. L’attività prevede la rimozione dei fondami semisolidi residui presenti all’interno. La durata dell’attività, stando alle previsioni, sarà di 10 giorni e nel primo periodo non si può escludere la possibilità che, seppur in maniera limitata, possano esserci percepiti odori derivanti da tali operazioni nelle aree”.

Inchiesta raffineria, iniziati gli accertamenti sulla cisterna

Esalazioni raffineria Api, sono sedici gli indagati Ipotesi di inquinamento ambientale

 

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page