facebook rss

Secondo giorno di screening
per gli studenti di Castelfidardo

COVID - Oggi pomeriggio il monitoraggio dell'Asur in modalità drive through si sposterà da piazzale Olimpia a via Mattei. Ieri si sono sottoposti al test circa 300 studenti accompagnati dai genitori
Print Friendly, PDF & Email

Lo screening per gli studenti ieri al piazzale Olimpia di Castelfidardo

 

Cambia teatro lo screening anti-Covid per gli studenti di Castelfidardo che oggi si sposta da piazzale Olimpia a via Mattei, sede del magazzino comunale. «Considerate le previsioni meteo avverse, per evitare disagi, si comunica che lo screening in modalità drive riguardante alunni ed insegnanti della scuola primaria Cialdini si sposta nel pomeriggio nella sede del magazzino comunale di via Enrico Mattei 7. – fa sapere in una nota il Comune di Castelfidardo – Rimangono invariate le modalità: presentarsi in auto (un solo accompagnatore per i minorenni) muniti di adeguati dispositivi di protezione e tessera sanitaria del soggetto da sottoporre a esame». L’esito sarà disponibile nell’arco di 24-36 ore con credenziali fornite per accedere direttamente al referto. Il test coinvolge oggi le seguenti classi 4A alle ore 15; 5A alle ore 15.30 e 5B alle ore 16.

Ieri quasi 300 alunni di Castelfidardo, gli studenti delle Cialdini, sui 1100 dell’Istituto comprensivo Soprani con lezioni in Dad, si sono sottoposti al tampone dell’Asur nella modalità ‘drive through’, accompagnati in auto dai propri genitori o familiari. Il numero degli under 14 contagiati è passato dalle 31 casi di contagio dei giorni scorsi a 46, in prevalenza asintomatici, e ci sono anche due insegnanti ricoverate. Lezioni in presenza invece all’Ic. Mazzini e da oggi anche alla paritaria Sant’Anna. Il report aggiornato della Regione Marche stamattina segnala 266 casi positivi e 733 persone in quarantena su una popolazione residente di 18.629 abitanti (incidenza dei positivi pari al 1,4%). Il monitoraggio dei prossimi giorni potrà essere decisivo per capire se in alcune aree della provincia di Ancona (la Valmusone sta subendo l’urto di questa seconda ondata della pandemia) dovranno essere istituite micro-zone arancioni. Ieri l’Rt complessivo delle Marche era ancora allo 0,94, sotto la soglia di guardia dell’1.



Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X