facebook rss

Sfregiato con un bicchiere
in piazza del Papa: 29enne condannato

ANCONA - Tre anni la pena inflitta all'imputato per il reato di lesioni personali gravissime. L'episodio era accaduto nel giugno 2012 nei pressi dell'ex Kona. Era rimasto ferito al volto un manager di 32 anni. Aveva chiesto un risarcimento di mezzo milione di euro. Per ora, avrà una provvisionale di 10 mila euro
venerdì 15 Marzo 2019 - Ore 17:48
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

Manager sfregiato al volto da un bicchiere rotto: condannato l’aggressore per la bagarre avvenuta in piazza del Papa. All’imputato, un impiegato anconetano di 29 anni, è stata inflitta una pena di tre anni di reclusione. Doveva rispondere di lesioni personali gravissime per aver ferito il 27 giugno 2012 un 32enne che ha riportato una cicatrice al volto. Alla vittima, parte civile con l’avvocato Marco Manfredi, andrà una provvisionale di 10 mila euro. Aveva chiesto un risarcimento danni di mezzo milione di euro. All’imputato la procura contestava di aver aggredito alle spalle il 32enne nei pressi dell’ex Kona, colpendolo poi al volto con un bicchiere rottosi in mille pezzi. L’impiegato, difeso dagli avvocati Jacopo Saccomani e Federica Battistoni, ha sempre respinto la volontarietà del gesto, negando di aver colpito in maniera diretta il manager. Tutto sarebbe avvenuto nell’ambito di una discussione tra le parti, intrapresa per chiarire una questione nata qualche giorno prima al Conero Golf Club. A Sirolo, i due avevano litigato e il manager aveva minacciato l’impiegato. Per quel caso, il 32enne è stato condannato dal giudice di pace. In piazza del Papa, invece, il 29enne avrebbe portato le mani al volto per coprirsi da una presunta testata inferta dal 32enne. Avendo l’imputato un bicchiere di vetro in mano, la parte civile si era ferita, riportando lo sfregio. Novanta giorni per le motivazioni della sentenza. La difesa ha già annunciato il ricorso in appello.

Volto sfregiato da un bicchiere rotto in piazza del Papa, chiesto maxi risarcimento

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X