Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Spazio disponibile
facebook rss

Emergenza Covid, Loreto
alza il livello di guardia
e chiude parchi e scuole

IL SINDACO Moreno Pieroni annuncia la firma di un'ordinanza in vigore da martedì per il divieto di accesso negli spazi pubblici e da mercoledì per il riavvio delle lezioni in dad. «Oggi registriamo 186 casi positivi e 126 quarantene. Sono preoccupato anche perché sembra che la Regione voglia riportare a zone arancioni alcune realtà. Non è pensabile per la nostra città, per l’imprenditoria locale» spiega. La preside Romagnoli: «Decisione in via preventiva»

Loreto ieri imbiancata dalla neve

 

 

Loreto alza il livello di guardia per arginare la diffusione del Covid 19. Il sindaco annuncia la firma di un’ordinanza per chiudere, da martedì prossimo, le aree verdi e gli spazi pubblici e, da mercoledì, per imporre lo stop anche alle lezioni in presenza nelle scuole. La città mariana è una delle realtà sotto osservazione della provincia di Ancona, insieme a Camerano, Castelfidardo, Osimo, Jesi e Sassoferrato per l’impennata di contagi e alla vigilia della decisione della Regione Marche sull’istituzione di possibili micro-zone arancioni, oggi pomeriggio il sindaco Moreno Pieroni ha convocato d’urgenza una riunione del Coc, nella sede della Protezione civile dopo la lettura dei dati diramati dal Servizio Sanità regionale. «I contagi nella nostra città sono in netto aumento: oggi abbiamo 186 casi positivi e 126 quarantene. Come sindaco sono preoccupato e sono convinto che anche voi lo siate. – ha rimarcato Pieroni nella consueta video-comunicazione ai concittadini che di solito diffonde il lunedì sera, anticipata di un giorno – Sono preoccupato anche per i messaggi che arrivano dalla Regione perché sembra che l’Amministrazione regionale voglia riportare a zone arancioni alcune realtà. Noi siamo la quinta città della provincia di Ancona con la crescita esponenziale di casi di positività. E questo non è pensabile per una comunità come Loreto, per il suo sistema economico, per l’imprenditoria locale che comincia a respirare dopo il ritorno in zona gialla di queste ultime due settimane». Il primo cittadino lauretano ha invitato, quindi, tutti i concittadini «a fare uno sforzo per far sì che si arresti questa crescita esponenziale. Abbiamo deciso pertanto di far partire un’ordinanza da martedì per la chiusura degli spazi pubblici, e da mercoledì anche delle scuole che fino al prossimo 28 febbraio riprenderanno le lezioni in Dad. Dobbiamo dare una sterzata a questa situazione».

Moreno Pieroni, nel consueto video messaggio settimanale anticipato oggi pomeriggio

Prima dei saluti Moreno Pieroni ha lanciato un appello ai più indisciplinati. «Chi è in quarantena convalidata non esca di casa – ha ripetuto – perché mi arrivano notizie da una serie di realtà sociali che qualcuno uscirebbe di casa e girerebbe tranquillamente per la città. Questo comportamento non è proprio possibile, non è lecito per legge e non è rispettoso verso le persone con le quali si viene in contatto. Il virus è diventato più aggressivo e sappiamo bene che nella nostra città risultato essere stati isolati casi di variante inglese. Invito tutti ad indossare le mascherine e rispettare il distanziamento. So che l’ordinanza è un atto impegnativo. Posso assicurarvi che non è stata una decisione non semplice ma che sarò costretto a formalizzare dopo tanti appelli. Non possiamo fare altrimenti per evitare che Loreto diventi zona arancione, se non rossa».

Nel tardo pomeriggio di oggi, la dirigente scolastica dell’Ic ‘Solari’ di Loreto, Luigia Romagnoli, per rassicurare i genitori ed evitare eccessivi allarmismi ha comunicato che la situazione dei casi Covid nelle scuole dell’istituto comprensivo che guida.«Al plesso San Francesco è stato segnalato un alunno e due insegnanti positivi; al plesso Collodi un alunno positivo; al plesso Lotto due alunni positivi. Alla luce di quanto sopra, – ha specificato la preside – l’Asur ha disposto la quarantena nel corso degli ultimi 10 giorni,per una sezione di scuola dell’infanzia (fino sl 23 febbraio), una classe del plesso Collodi (fino al 16 febbraio) e due classi del plesso Lotto,per cui il provvedimento da parte del sindaco di sospensione delle attività in presenza è unicamente di ordine preventivo».

(ultimo aggiornamento alle ore 18)



Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




X