facebook rss

La festa, il litigio e poi il buio:
due mesi senza Andreea

IL GIALLO - Ancora nessuna notizia della 27enne di origine romena che manca da casa dalla mattina dello scorso 12 marzo. La sera precedente aveva partecipato a un party in un roulotte collocata all'interno di una casolare, sulla Montecarottese. Il diverbio con il fidanzato, l'allontanamento senza il cellulare e l'avvio dell'inchiesta per sequestro di persona
Print Friendly, PDF & Email

Andreea Alice

Due mesi senza avere notizie di Andreea Rabciuc. La 27enne romena manca da casa dalla mattina dello scorso 12 marzo, quando si sarebbe incamminata lungo la Montecarottese lasciando la festa a cui aveva partecipato con il fidanzato Simone Gresti e altri due conoscenti. Il party si teneva all’interno di una roulotte collocata in un casolare, a Maiolati Spontini. La serata sarebbe stata scandita da chiacchiere e alcol, ma anche dai battibecchi con Simone. Niente di strano, ha sempre detto lui, per una coppia che litigava spesso, ma senza mai arrivare alle mani. E’ attorno alle 7 del 12 marzo che Andreea, capelli blu, cappellino rosa e corpo cosparso da tatuaggi, si sarebbe allontanata dalla roulotte. Con sè non aveva il telefono, lasciato nelle mani del fidanzato Simone dopo il bisticcio. Il dispositivo verrà consegnato alla mamma della 27enne solo domenica 13 marzo, data della prima segnalazione di scomparsa fatta ai carabinieri di Jesi. Dopo l’uscita dal casolare nessuno avrebbe più visto Andreea. Sulla sua scomparsa, la procura di Ancona ha aperto un fascicolo per sequestro di persona.

Simone Gresti

Unico indagato risulta essere il fidanzato Simone a cui sono stati sequestrati dispositivi elettronici, l’auto e due giubbotti. Uno lo indossava la notte del party, a cui era arrivato con Andrea a bordo della sua vettura. Sotto sequestro, i carabinieri hanno messo anche il casolare della festa, setacciato dalla Scientifica e dai cani molecolari. Per ora, l’inchiesta sembra mancare del punto di svolta. L’obiettivo degli inquirenti è poter trovare indizi dalle analisi tecniche disposte dopo i sequestri, avviati quando ormai la 27enne era scomparsa da settimane. Simone, per conto del suo avvocato Simone Giuliani, continua a sostenere di non avere nulla a che fare con la scomparsa della sua fidanzata. Anzi, ha lanciato più appelli attraverso la trasmissione Chi L’Ha Visto affinché la ragazza si facesse sentire, per tranquillizzare lui e tutta la sua famiglia.

La roulotte della festa

Presunti avvistamenti fatti a Milano e Roma sarebbero caduti nel vuoto. E dunque: dov’è Andreea? Perchè si è allontanata dal casolare senza portarsi dietro quel cellulare da cui non si separava mai? Un’ipotesi è che qualcuno possa averle dato un passaggio dopo aver lasciato il party. Ma perchè, se questo fosse vero, nessuno ancora si è fatto avanti per dire di averla incontrata? L’11 marzo, di sicuro, Andreea si era vista con l’ex fidanzato Daniele, che aveva ripreso a frequentare negli ultimi mesi. I due si sono scambiati messaggi fino a poco prima delle 22.  Un altro particolare è la chiamata fatta da Andreea alle 4 di mattina del 12 marzo al padre, che vive in Spagna e con cui non ha rapporti stabili. La telefonata non era andata a buon fine: l’uomo stava dormendo. Perchè chiamarlo nel cuore della notte? Sono tutte domande a cui, prima o poi, bisognerà dare una risposta.

(Fe.ser)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X