facebook rss

Dopo anni di assenza,
a Fabriano riapre la Pro Loco

FABRIANO - Presentata oggi la nuova Pro Loco di Fabriano che risponde a una mancanza che risale a molti anni fa. "Il braccio operativo del Comune" per l'assessore alle attività produttive Pagnoncelli; "un contenitore di idee aperto a tutti", per il neo-presidente Paolo Mearelli
Print Friendly, PDF & Email

La conferenza stampa di presentazione della nuova Pro Loco di Fabriano, con alcuni dei membri, sindaco e assessore

 

Il presidente della Pro Loco Paolo Mearelli

Il presidente della Pro Loco Paolo Mearelli

Fabriano ha finalmente una Pro Loco, presentata oggi in sala giunta. Dopo anni di attività a singhiozzo di addirittura tre organizzazioni cittadine, di cui solo una attiva negli anni Cinquanta registrata in Regione, ecco la Pro Loco ufficiale, con un suo simbolo, uno statuto e un consiglio direttivo.  Presentata oggi in Sala Giunta con soddisfazione dal Sindaco Gabriale Santarelli che la vede come “la realizzazione di uno dei nostri progetti lanciato in un consiglio comunale, come soggetto deputato all’organizzazione pratica di eventi per la promozione della città; dopo lo scioglimento per la vecchia Pro Loco che non rispettava i requistiti della normativa regionale –  ha detto – ecco il riconoscimento della nuova, che avrà tramite l’scrizione all’albo delle pro loco e all’Unpli, maggiori possibilità di muoversi, tra contributi agevolati e relazioni con le altre pro loco”.  Concorde anche l’assessore alle attività produttive Barbara Pagnoncelli nell’evidenziare la funzione di “un braccio operativo importante del Comune per l’organizzazione pratica di festività e venti”. Il presidente, Paolo Mearelli: “Il nostro  gruppo è il risultato della summa dall’ex direttivo del Palio di San Giovanni Battista con una schiera di persone attive e interessate alla città, dai professionisti alle persone comuni; siamo 11 associati ma da qui a un anno puntiamo ad esserne mille e abbiamo scelto i simboli della città: il Giano, l’arco del Podestà e la fontana Sturinalto”.

La Fondazione Carifac è socia sostenitrice. iI consiglio in carica tre anni, è costituito dal presidente Paolo Mearelli, il vice Fabio Ciarlantini, con i consiglieri: Don Umberto Rotili, Katia Stazio, Sisto Traballoni, Nicola Cristalli, Mirko Casoni, Claudio Alianello, Fabrizio Palanca, Massimo Magi come primo associato. Probabilmente si aggiungerà, dicono i fondatori, una persona individuata dall’amministrazione con la funzione di tenere  i rapporti con il Comune. Tra le prime inizitive la “Magno fòri”, una sorta di magnalonga fatta in tre frazioni, con il coinvolgimento di singoli e aziende per la promozione di prodotti tipici. Si terrà domenica 16 settembre tra San Cassiano, Cupo, Vallina, anche per ridar valore alla fontana di San Cassiano come centro frequentato per pic-nic e passeggiate.

Non ha ancora una sede ma un indirizzo email per tutti coloro che volessero associarsi o contrubuire con le proprie proposte: segreteria@prolocofabriano.it.  (S.B.)

Sulla sinistra uno dei consiglieri, Don Umberto Rotili

 

sindaco e assessore

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X