facebook rss

Contrasto all’abusivismo commerciale
titolare di stabilimento balneare
nei guai per favoreggiamento

NUMANA - I carabinieri hanno denunciato per ricettazione un senegalese 65enne trovato in possesso di merce con marchi contraffatti e un 62enne del posto che aveva permesso di stoccare all’interno della cabina 43 capi di abbigliamento. Tutti sequestrati
Print Friendly, PDF & Email

La merce sequestrata dai carabinieri

 

 

Prosegue l’attività di controllo del territorio in tutta la Valmusone e Riviera del Conero ad opera dei Carabinieri della Compagnia di Osimo, guidati dal maggiore Luigi Ciccarelli, con una serie di iniziative la cui comune finalità è quella di garantire la maggior sicurezza nelle località turistiche, quanto nei centri abitati, con particolare attenzione posta al contrasto all’abusivismo commerciale e contraffazione. Nella mattinata di ieri, i militari della Stazione di Numana hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Ancona per il reato di ricettazione un senegalese 65enne, residente in Piemonte, ed un italiano 62enne, per il reato di favoreggiamento. Durante l’attività di prevenzione, i carabinieri hanno notato l’extracomunitario uscire da una cabina di uno stabilimento balneare, portando con sé un borsone di grosse dimensioni. Sottoposto a controllo, hanno constatato che all’interno c’erano sette borse con marchio contraffatto, di note case di alta moda. Contestuali approfondimenti, hanno consentito di rinvenire all’interno della cabina, ben stoccati, 43 capi di abbigliamento, fra cui giubbini, borse, scarpe e cinture sempre di firme di stilisti famosi. Appurata la locazione e il deposito della merce, tutta sottoposta a sequestro, è scattata anche la denuncia di favoreggiamento a carico del titolare dello stabilimento balneare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X