facebook rss

«Più corse e steward sui mezzi»:
le soluzioni di Conerobus
per l’avvio dell’anno scolastico

ANCONA - Un team di almeno venti vigilantes ingaggiato fino a fine ottobre per far mantenere a bordo il rispetto delle regole. Corse gemelle per far partire i bus uno dietro l'altro. Il presidente Papaveri: «Nessuno verrà lasciato a piedi»
Print Friendly, PDF & Email

Autobus fermi in piazza Cavour (foto d’archivio)

 

Più mezzi e almeno venti steward da impiegare sui bus più affollati.  Sono i punti cardine su cui si fonda la campagna abbonamenti 2020-2021 di Atma in vista dell’avvio dell’anno scolastico. Prezzi invariati, agevolazioni per chi compra l’abbonamento sul web e possibilità di utilizzare il voucher per il rimborso delle tessere inutilizzate durante il lockdown per coprire i costi delle nuove card. Il punto è stato fatto questa mattina ad Ancona dal presidente di Atma/Conerobus Muzio Papaveri, nel corso di una conferenza stampa, alla quale sono intervenuti il vicepresidente di Atma Lorenzo Fiorelli, l’assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Ancona Tiziana Borini e il referente dell’Ufficio scolastico regionale Massimo Iavarone.  «Siamo pronti per partire in sicurezza sin dal 14 settembre – ha spiegato Papaveri – quando si tornerà in aula. Il piano prevede anzitutto l’aumento dei mezzi, che andranno a potenziare almeno venti corse sia lungo le tratte urbane che extraurbane. L’ipotesi è quella di utilizzare più bus in contemporanea, così da consentire il rispetto dell’indice di riempimento. Nei mesi di settembre e ottobre, poi, abbiamo previsto alle fermate e sugli autobus più affollati dagli studenti l’impiego di steward, che, negli orari di entrata ed uscita, si occuperanno di distribuire i ragazzi tra i mezzi e di sensibilizzarli sul corretto uso della mascherina. Nessuno verrà lasciato a piedi». La decisione di incrementare le corse è stata una scelta obbligata dettata dal fatto che la capienza massima dei mezzi è stata fissata all’80%.

Un’immagine della conferenza stampa

«Manca la conferma – ha affermato Iavarone – degli orari di entrata ed uscita già fatti pervenire all’azienda dai singoli istituti. Ma il piano di massima è già pronto».  Gli studenti potranno impiegare il voucher di rimborso degli abbonamenti inutilizzati durante il lockdown per coprire i costi della nuova tessera. Nell’extraurbano, i costi degli abbonamenti relativi a quest’ultimo periodo sono modulati sulla distanza chilometrica e vanno da un minimo di 101,30 euro per i tragitti di 6 chilometri a un massimo 311,90 euro per quelli di 50 chilometri.  Rimangono invariate, rispetto agli scorsi anni, le altre agevolazioni destinate sempre agli studenti, agli under 14, alle famiglie e ai cittadini over 65 con basso reddito.  Previsti, inoltre, ulteriori sconti per chi farà l’abbonamento on line.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X