facebook rss

‘Leggere tra le righe’,
i ricordi scolastici
agli albori del Novecento

FALCONARA - Domenica pomeriggio la mostra dei registri di classe e verbali degli anni ‘30 e ‘40 del secolo scorso conservati nell’Archivio storico. La prenotazione è obbligatoria
Print Friendly, PDF & Email

Falconara, Palazzo Bianchi sede del Museo della Resistenza

 

 

Domenica 27 settembre, dalle 17.30 alle 19.30 a Falconara, nella sala conferenze del Museo della Resistenza di piazza del Municipio, sarà possibile immergersi nei ricordi della scuola del passato. L’iniziativa ‘Leggere tra le righe: memorie e ricordi scolastici tra gli anni Trenta e Quaranta del XX Secolo’, vede il Museo e l’Archivio storico comunale uniti da un unico tema: l’istruzione nella prima metà del Novecento. «Registri di classe e verbali scolastici, appena riscoperti, – ricorda una nota del Comune di Falconara – aiuteranno ad affrontare un viaggio ideale nel mondo della scuola letto attraverso le righe di questi documenti inediti, che hanno contribuito a formare la generazione di donne e uomini impegnati, pochi anni dopo, nella lotta di Resistenza al regime nazi-fascista. Una conversazione inedita portata avanti dai volontari del Servizio Civile Universale che potrà essere spunto di numerosi approfondimenti. Tra le curiosità, l’inserimento di materie come ‘Bella scrittura’ e ‘Occupazioni intellettuali’ tra le materie del programma scolastico». In occasione delle prossime Giornate Europee del Patrimonio 2020, previste per sabato 26 e domenica 27 settembre, si inizia un percorso di valorizzazione del materiale archivistico, di cui recentemente si è predisposto l’iter di inventariazione, relativo alle istituzioni scolastiche presenti a Falconara marittima ad inizio secolo, ossia le scuole elementari ‘Giacomo Leopardi’ del centro, ‘Leonardo da Vinci’ a Castelferretti, oltre alle elementari di Fiumesino e delle Pojole. I documenti ‘fotografano’ le istituzioni scolastiche presenti nel nostro territorio comunale dagli anni Trenta fino al Secondo dopoguerra. «Si tratta principalmente dei registri degli insegnanti – rposegue il comunicato – che si sono susseguiti nel corso degli anni: grazie alle annotazioni del personale docente viene restituita una descrizione precisa della storia e della cultura della prima metà del XX secolo e ne scaturisce una vera occasione di studio e di valorizzazione storica. E’ per questa ragione che si è scelto di dedicare le prossime Giornate Europee del Patrimonio 2020 a questa particolare tematica». La prenotazione per partecipare all’iniziativa è obbligatoria: si può scrivere all’indirizzo cultura@comune.falconara-marittima.an.it oppure chiamare il numero 3394600974 attivo fino a venerdì 25 settembre dalle 9 alle 11.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X