facebook rss

Elica, nuovo presidio di protesta
davanti alla Prefettura

FABRIANO - L’assemblea dei lavoratori oggi ha deciso di continuare la mobilitazione. La trasferta ad Ancona è in programma per giovedì mattina
Print Friendly, PDF & Email

Il presidio dei lavoratori di Elica in Piazza del Plebiscito ad Ancona, organizzato la scorsa estate

 

Giovedì prossimo, 28 ottobre, una delegazione di lavoratori di Elica attuerà un nuovo presidio di protesta in piazza del Plebiscito ad Ancona, davanti alla Prefettura, dalle ore 10 alle ore 11.30. L’assemblea dei lavoratori oggi ha deciso anche con questa modalità di «continuare la mobilitazione a sostegno della vertenza contro centinaia di licenziamenti, contro le delocalizzazioni, per un piano che veda il ritorno del lavoro in Italia per il rilancio del territorio» sottolinea il Coordinamento unitario del Gruppo Elica. «Per noi le trattative con l’azienda sono solo sospese, non ci sono distanze incolmabili e bisogna provare a chiudere l’accordo. – ricorda Pierpaolo Pullini (Fiom Ancona) – Ad Elica abbiamo chiesto di fare uno sforzo ulteriore quantificandoci il lavoro certo da riportare in Italia, perché è quello che crea una prospettiva. E poi serve anche il piano di investimento. Queste sono le basi di un progetto che guarda al futuro. Se non si mette bene a fuoco quali tipologie di prodotti vanno riportate in Italia, quanta occupazione creano, su quali reparti vanno ad impattare e per quante ore di lavoro saranno impegnati i lavoratori, si rischia davvero di rinviare il problema solo di due anni. Il nostro obiettivo invece è quello di costruire un piano che dia stabilità e centralità al territorio, che dia occupazione ad un certo numero di persone».

Elica, convocate nuove assemblee sindacali: «Quale e quanto lavoro destinato all’Italia?»



Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X