facebook rss

Alla Mole la scultura ‘Campana’

ANCONA - E' l'opera dell’artista marchigiano Oliviero Fiorenzi
Print Friendly, PDF & Email

(ph. Omar Marcelli)

 

Campana è la scultura cinetica ideata dall’artista marchigiano Oliviero Fiorenzi nell’ambito del workshop #2 Sea, 2° edizione di TRAC – Tresoldi Academy che si è svolta a giugno 2021 al Cantiere delle Marche.

Il workshop ha visto 15 studenti impegnati nella realizzazione dell’installazione MEDA sotto la direzione artistica di Edoardo Tresoldi in collaborazione con Fiorenzi. Ospitata dal 6 maggio all’interno del Tempietto di San Rocco alla Mole, Campana potrà essere osservata da vicino (da martedì a domenica, dalle 8 alle 20) per il tempo circoscritto che la separa dall’incontro con il mare e con la torre campanaria. Insieme le due opere comporranno MEDA che sarà varata nelle acque di Ancona.

Se dopo il workshop, a ottobre 2021 l’illuminazione della torre campanaria ha segnato una seconda tappa del percorso di MEDA verso il mare, l’esposizione di Campana rappresenta un ulteriore e importante momento di presentazione del progetto alla città che ha visto la collaborazione di una rete di partner locali: Cantiere delle Marche, Fondo Mole Vanvitelliana, CNR-IRBIM e Tonidigrigio.

«Ancona- rileva Fiorenzi- è una città di difficile interpretazione dove è semplice perdersi. Durante il workshop la mancanza di punti di riferimento è stata argomento di discussione con gli studenti. Una sera, in un ristorante, una bambina stava imparando i punti cardinali e i suoi disegni sono stati per me una rivelazione. Cosa c’è di più potente dell’immagine di una bambina che impara ad orientarsi nel mondo e nella sua città? Ho trasformato i suoi disegni in segni pittorici e vestito la mia scultura. L’opera è composta da 12 pale su cui ho applicato i punti cardinali; una scultura cinetica che, muovendosi con il vento, li fa ruotare e confondere tra loro. Solo la campana resta ferma: un nuovo punto di riferimento».

La scultura poggia su un basamento progettato in collaborazione con Giacomo Ciavattini, architetto originario di Ancona.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X