facebook rss

Alla ‘Caio Giulio Cesare’
il progetto Erasmus plus

OSIMO - L'istituto comprensivo osimano ha accolto i partner di Turchia, Spagna, Belgio, Grecia e Polonia, Studenti e professori hanno avuto il piacere di confrontarsi, in lingua inglese, con docenti di nazionalità diverse
Print Friendly, PDF & Email

Osimo, il plesso scolastico di Piazzale Bellini dove hanno sede le Medie Caio Giulio Cesare

Gli alunni e i docenti dell’IC Caio Giulio Cesare di Osimo, dal 21 al 25 maggio, hanno avuto una settimana molto intensa dai connotati spiccatamente europei. Si è svolto in Italia questa volta l’incontro tra Turchia, Spagna, Belgio, Grecia e Polonia, previsto dal progetto Erasmus plus dal titolo L’Oratory (learning obtained by reinforced attitudes through original reading and research by youngsters); approvato dalla Commissione Europea che rientra nella tipologia KA2 (azione chiave 2), Erasmus+ project Strategic Partnerships for School Education, partenariati tra sole scuole, biennio 2017-2019.

“L’obiettivo principale del progetto – fa sapere la professoressa Immacolata Di Maro della IC delle Medie Caio Giulio Cesare) – è quello di stimolare l’interesse per la lettura, sia in lingua italiana che in lingua inglese, in un’ottica di inclusione in cui tutti gli studenti si sentono parte integrante della comunità scolastica. A ottobre si è avuto il primo meeting transnazionale a Manisa, in Turchia, mentre a febbraio ha avuto luogo il meeting ‘Teaching and learning…’ , a Zuera, una cittadina in provincia di Saragozza, in Spagna. I partner sono stati accolti con grande piacere dal preside Fabio Radicioni che mira sempre di più ad arricchire l’Offerta Formativa dell’Istituto anche con progetti di questo tipo, di respiro tipicamente internazionale”.

I ragazzi, guidati dagli insegnanti, hanno partecipato con gioia alle numerose attività proposte e hanno avuto il piacere di confrontarsi, in lingua inglese, con docenti di nazionalità diverse. “Alcuni studenti – prosegue la nota stampa – hanno accompagnato gli amici stranieri a prendere visione della mostra inerente al progetto ‘La settimana della scienza’, illustrando nei dettagli magnifici manufatti, splendidi quadri e cartelloni esaurienti; altri si sono cimentati nei laboratori dove hanno mostrato il loro know how e numerosi mezzi e strumenti che offre loro la Scuola. Gli alunni delle classi prime e quarte A e B hanno messo in scena, nel delizioso teatro “La nuova fenice, “The little black fish”, un libro dello scrittore iraniano, maestro elementare, Samad Behrangi, ed è stato un successo. I Partner hanno visitato tutti i plessi dell’Istituto e sono rimasti piacevolmente colpiti soprattutto dell’alta qualità dell’insegnamento e della collaborazione tra i Docenti. E’ stata un’esperienza molto importante per i nostri alunni, i quali hanno acquisito altre utili competenze da spendere nel loro futuro, ampliando, altresì, i loro orizzonti culturali anche a livello europeo”.

Delegazione europea di docenti ricevuta dalla presidente Andreoni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X