facebook rss

Coronavirus, stop alle trasferte
del personale nelle aziende

MISURE stringenti e precauzionali sono state adottate dai grandi gruppi e nelle multinazionali del distretto industriale di Fabriano. La Uil-Fpl chiede alla Regione di evitare qualsiasi forma di aggregazione di massa di lavoratori o delegati come presidi e assemblee sindacali, convegni, corsi ed espletamento di procedure concorsuali
Print Friendly, PDF & Email

I volontari dell’Anpas Marche impegnati nei controlli dei passeggeri all’aeroporto di Falconara

 

Il governo varerà misure di sostegno alle imprese per alleggerire l’impatto economico del Coronavirus; i sindacati chiedono di spingere l’acceleratore sullo smart working e telelavoro, le aziende vietano le trasferte dei dipendenti all’estero e in Italia. Anche nel distretto economico di Fabriano i maggiori gruppi industriali e le multinazionali, come ad esempio Whirlpool, Elica, Faber, Ariston Thermo Group e Gruppo Fedrigoni, hanno ritenuto opportuno, a scopo cautelativo e precauzionale in questa fase delicata, di vietare i trasferimenti del personale. In Whirlpool sono vietate tutte le trasferte all’estero e in Italia senza eccezioni, riferisce l’Ansa. Lo stesso per la Faber, riporta sempre l’agenzia di stampa, dove la circolare invita anche tutti i dipendenti che credano di essere venuti a contatto con potenziali persone infette e/o avvertano sintomi influenzali importanti, a non recarsi al lavoro e a seguire le indicazioni nazionali. Stesse raccomandazioni in Elica, per le trasferte urgenti serve un’autorizzazione. Analoga direttiva per il Gruppo Fedrigoni e per l’Ariston Thermo Group; quest’ultima ha costituito una task-force dedicata per monitorare e valutare tutti gli aspetti della crisi.

Le Segreterie Uil-Fpl  territoriali di  Ancona – Ascoli – Fermo – Macerata – Pesaro Urbino  e  il Segretario Generale Regionale Paolo Possanzini, a seguito delle disposizioni del Ministero della Salute, che attualmente interessano le regioni del Nord Italia e nonostante che nelle Marche, ad oggi, non risultino casi di contagio, hanno invitato  «la Regione Marche a sollecitare le strutture Sanitarie Regionali e Territoriali, pubbliche e private, nonchè tutti gli Enti del territorio marchigiano, di evitare qualsiasi forma di aggregazione di massa di lavoratori o delegati e ad esempio, a titolo esemplificativo, per manifestazioni, presidi, convegni, corsi, espletamento procedure concorsuali imminenti, trattative e assemblee sindacali in qualsiasi luogo e comparto, fermo restando che rimarrà invariata la normale attività sindacale».

 

 

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page