facebook rss

Antenne 5G, il sindaco di Osimo:
«Firmata l’ordinanza anti-installazione»

TELECOMUNICAZIONI - L'atto vieterà la possibilità di accendere impianti prima che sia redatto il Piano comunale con un iter di approvazione lungo almeno 2 anni. «Mi dispiace se ci sono stati fraintendimenti» ha chiarito in un video messaggio Simone Pugnaloni
Print Friendly, PDF & Email

Il sindaco SImone Pugnaloni

 

«Prima viene la salute pubblica e la salute è di tutti. Ho firmato l’ordinanza che vieta l’installazione di antenne 5G prima che sia redatto il Piano delle Antenne per Osimo, che avrà un iter di approvazione lungo almeno 2 anni come quello necessario per un Prg. Mi dispiace se ci sono stati fraintendimenti, ma gli osimani possono stare tranquilli, sereni perchè da oggi non è possibile installare e sperimentare il 5G fino al nuovo piano di antenne da concertare con tutta la cittadinanza, con i consigli di quartiere e le consulte, lavorando insieme all’opposizione». In un video messaggio stamattina a mezzogiorno il sindaco Simone Pugnaloni ha rassicurato tutti i concittadini, a partire da quelli costituiti in comitato contro l’avvento del 5G che gli hanno sollecitato proprio  la firma dell’ordinanza. Ha spiegato di aver approfondito le competenze del Comune tornando a ribadire che si è cominciato a parlare del Piano antenne due anni prima del varo del nuovo protocollo tecnologico perché «vogliamo una localizzazione futura di tutte le antenne in area solamente pubblica, perchè il potere contrattuale dell’amministrazione in area pubblica è più forte nei confronti delle società di gestione del settore telecomunicazioni». Di qui la scelta di muoversi su 2 fronti, l’ordinanza sindacale per vietare l’installazione fino al varo del Piano antenne e della modifica della normativa regionale con parere di Asur e Arpam; e la costituzione del gruppo di lavoro per studiare l’aggiornamento del regolamento e la redazione dello strumento ambientale-urbanistico «se fosse possibile, da qui a 2 anni, per localizzarle tutte in area pubblica. Il nuovo piano antenne ci permetterà in maniera retroattiva – ha evidenziato Pugnaloni – di far spostare un’antenna oggi ubicata in luogo privato, in luogo pubblico più sicuro. Oggi sulle antenne installate nel privato, l’amministrazione purtroppo non ha alcuna possibilità di dialogo con il gestore telefonico».

Piano antenne, Mariani: «Il 5G è solo una scelta politica

Antenne 5G, nasce un comitato: «Il sindaco Pugnaloni firmi l’ordinanza che vieta l’installazione»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X