facebook rss

Le promesse della boxe marchigiana
indossano i guantoni
in vista del Torneo “Alberto Mura”

SPORT - Allenamenti e sfide sul ring per i pugili di punta delle più importanti società regionali in preparazione del prestigioso trofeo nazionale riservato alle qualifiche SchoolBoys-Junior-Youth
Print Friendly, PDF & Email

In rosso l’osimano Andrea Splendiani dell’Upa Ancona nel match contro Francesco De Florio in blu

 

In previsione del Torneo Nazionale Italia “Alberto Mura” che si terrà a Roseto degli Abruzzi il Comitato regionale marchigiano Fpi sta organizzando una serie di riunioni pugilistiche per tenere in perfetto allenamento i suoi atleti che dal 22 al 25 aprile parteciperanno alla prestigiosa kermesse riservata ai migliori pugili italiani schoolboy, junior e youth. Tra loro parteciperanno ben sette atleti marchigiani; per gli junior Lorenzo Fondi della Upa Ancona, Anacleto Gabbanelli della Boxing Club Castelfidardo e Lorenzo Tulli della San Giorgio Boxing; gli Youth Alex Lengo della Gls Dorica Ancona, Marcello Di Gennaro, Matteo Forconi e Emanuele Ansalone della Accademia Pugilistica 1923. In calendario altre due riunioni programmate, quella di sabato prossimo a Fano e successivamente a Senigallia. Ben riuscita, anche se disputata a porte chiuse in rispetto delle normative anti-covid, l’ultima riunione di domenica scorsa organizzata dalla società Upa di Ancona in collaborazione con la Nike Fermo presso la palestra Coni di Fermo – fa sapere una nota della Fpi.

In rosso Omid Fadai Upa Ancona vs Geremia Bernardini in blu

Otto i combattimenti, tutti equilibrati, disputati tra atleti di società marchigiane ed abruzzesi. Tre sono fini in parità: nei 57 kg. Alessandro Anselmi della Upa Ancona con uno stile molto tecnico ha pareggiato con il fighter Cristian Colonna della Michillo Boxe; parità tra Omid Fadai della Upa Ancona e Geremia Bernardini dell’Accademia Pugilistica 1923, ed infine altro pareggio tra Francesco Marconi della Upa Ancona e Gian Marco D’Adamo dell’Accademia Pugilistica 1923. Nella categoria dei 70 kg. vince ai punti l’ottimo Patrizio Agabiti della Michillo Boxe su Stefano Storani della Nike Fermo, in un match equilibrato dove comunque il pesarese, allenato dal noto campione europeo Luigi Michillo, è emerso per forza e precisione. Nei 91 kg. Alessandro Commodo della Crea Boxe ha battuto ai punti il pari peso Biti Kozmà della Upa Ancona al termine di tre intensi round nel corso dei quali l’abruzzese più dotato fisicamente ha saputo imporsi sull’anconetano Kozmà impegnato più a difendersi dalla potenza dei colpi avversari. Marco Fedeli dell’Accademia Pugilistica 1923 ha superato nella categoria dei 66 kg. Nicola Sordoni della Michillo Boxe in un match equilibrato.

In rosso Biti Kozmà contro Alessandro Commodo in blu

Nei pesi leggeri Leonardo Bitti della Nike Fermo si impone sull’abruzzese Alessandro Pantaloni della Crea Boxe. Intensi tutti e tre i round combattuti aspramente da entrambi i pugili, al termine di quali i giudici hanno preferito probabilmente premiare il fermano per la sua tecnica più pulita e la precisione dei colpi. Interrotto alla seconda ripresa il match tra Andrea Splendiani della Upa Ancona e Francesco Di Florio della Crea Boxe per intervento medico. Il match tra i 70 kg. vedeva imporsi indiscutibilmente l’osimano Splendiani che per mobilità e potenza dei colpi stava nettamente superando l’avversario quando all’improvviso una lussazione alla spalla destra ne determinava l’interruzione. Sicuramente l’ottimo pugile dell’Upa Ancona sarà da attenzionare in seguito. Presenti alla riunione il Presidente Fpi della Marche Luciano Romanella accompagnato dal nuovo delegato Coni Cristina Marianelli e dall’assessore allo sport della città di Fermo Alberto Maria Scarfini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X