facebook rss

Legambiente premia Camerano:
primo ‘Comune riciclone’ delle Marche

RIFIUTI – L’ente locale, nella categoria tra i 5000 e 15000 abitanti, ha ottenuto i migliori risultati per la bassa produzione pro capite di raccolta indifferenziata che si attesta a 68,8 kg/ab annuo e una percentuale di raccolta pari all’86,42%
Print Friendly, PDF & Email

L’assessore Costantino Renato riceve il premio

 

Nella speciale classifica nazionale di Legambiente, patrocinata dal Ministero per l’Ambiente, che evidenzia le comunità locali che hanno ottenuto i migliori risultati nella gestione dei rifiuti, Camerano risulta essere il primo e unico Comune della Regione Marche, nella categoria dei “Comuni tra 5000 e 15000 Abitanti”, per la bassa produzione pro capite di rifiuto indifferenziato che si attesta a 68,8 kg/ab annuo (dato Arpam Regionale 62,27 kg/ab annuo) e una percentuale di raccolta pari all’86,42% (dato allegato A Ddpf n. 81/CRB del 16/04/2021). Gli altri enti locali delle Marche che si posizionano nella categoria dei “Comuni Rifiuti Free sotto i 5000 abitanti” sono: Torre San Patrizio 56,6 kg/ab. (1938 ab.), Ponzano di Fermo 65,7 kg/ab. (1652 ab.), Lapedona 67,1 kg/ab. (1166 ab.), Monterubbiano 69,9 kg/ab. (2108 ab.), Moresco 71,8 kg/ab. (547 ab.), Gradara 71,9 kg/ab. (4922 ab.), Lunano 73 kg/ab. (1447 ab.), Petriano 74,5 kg/ab. (2766 ab.). Nessun Ente Locale delle Marche sopra i 15.000 abitanti risulta in classifica. «Nota dolente nell’analisi dei dati – sottolinea l’assessore Costantino Renato – è che sono presenti solamente 9 Comuni virtuosi su 228 (3,95%) in tutto il territorio Marchigiano, quasi tutti sotto i 5000 abitanti (8 su 9), pari a 23.863 cittadini su 1.512.672 (1,58%). C’è inoltre da considerare che nella mappa degli Enti virtuosi non sono presenti altri Comuni della Provincia di Ancona, oltre a Camerano, e sono totalmente assenti i Comuni della Provincia di Ascoli Piceno e Macerata».

Questi i principali trend che emergono dalla 28esima edizione di Comuni Ricicloni, il dossier realizzato nell’ambito del medesimo concorso con cui, fin dal 1994, Legambiente premia i migliori risultati nella gestione dei rifiuti, e che dal 2016 vede il suo principale focus nei Comuni Rifiuti Free, ossia i centri a bassa produzione di indifferenziato destinato a smaltimento. Sia il dossier che il concorso Comuni Ricicloni 2021 godono del patrocinio del Ministero della Transizione Ecologica e sono organizzati da Legambiente, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club in collaborazione con Conai, Comieco, CoReVe, CoRePla, CiAl, Ricrea, Rilegno, Consorzio Italiano Compostatori e Assobioplastiche. La premiazione, per Camerano, si è tenuta nello spazio di Roma Eventi Piazza di Spagna, alla presenza del Presidente Nazionale di Legambiente Stefano Ciafani, il direttore generale Giorgio Zampetti e la responsabile del Premio Laura Brambilla, con intervento di Luca Briziarelli, vicepresidente della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e della presidente Commissione Ambiente Camera dei Deputati Alessia Rotta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X